username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Franco Maccioni

in archivio dal 23 lug 2007

19 febbraio 1944, Gonnosfanadiga (ca)

segni particolari:
Nessun segno particolare di rilievo.

mi descrivo così:
Essere come sono ma ancora cercare di capire l'essere che è in me! Lo troverò? Mah, non so. Forse con la poesia mi auguro di riuscirci!

20 marzo 2008

Un altro mattino

Il mattino appena nato
odora di petrolio,
e sulla strada carica
di polvere nera,
quasi di fuliggine
che ti ferisce gli occhi,
come nello scrutare attento
del giorno che trascorre lento,
pensi di farcela e resisti!
E  fontane e rivoli d’acque
nella memoria  ritornano,
e dolci ricordi del passato
racchiudono scrigni
di pietre preziose,
lasciando intravedere ombre
con  sembianze umane
che cercano di allontanarti,
e quasi tremante cerchi 
di raggiungere l’altra riva
sperando di salvarti.
Ti salvi ma ti ritrovi solo   
nell’ultimo sguardo dal ponte,
e verso il mare intravedi
pescatori chini su ceste
lasciate senza null’altro
che speranze e forse
incertezze di sempre. 
Poi quando il giorno finisce,
ti ritrovi dietro un bancone
tra fumo e odore
di tabacco scadente
e cadenzati passi
che riescono appena
a nascondere l’assordante
rumore di un battello
che scompare nella nebbia,
oltre la banchina,
prima che un’altra  sirena
annunci un altro mattino
che forse odora di niente!

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento