username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Gabriella Stigliano

in archivio dal 05 lug 2013

Napoli - Italia

mi descrivo così:
M'incanta l'arte e anche l'arte delle parole che genera poesia, storie, visioni, emozioni e sensazioni. Esprimo a modo mio l'assurdo mondo che mi ritrovo dentro.

05 luglio 2013 alle ore 0:16

Dedicato a me

Predicavo parole d’amore,
gioivo,
soffrivo,
lenivo il dolore.
Dipingevo uomini soli
nel silenzio di un pensiero,
nel candore dell’essenza,
nelle ombre del mistero.
Provocavo sorrisi
e amarezze,
confondevo l’amore,
rubavo carezze.
Questa ero io
e forse lo sono ancora,
ma adesso vado via
senza geometrie
dal mio regno crepato
che si scolora.

Commenti
  • Francesco Giuliano I sogni svaniscono ma altri si rigenerano, il pessimismo va vinto. Bella e coinvolgente, che prende.

    24 novembre 2013 alle ore 8:58


  • Emilio Basta Bellisima poesia...è il dramma interiore dell'animo sensibile che parla.

    09 dicembre 2013 alle ore 18:08


  • Gabriella Stigliano grazie di cuore per queste parole

    09 dicembre 2013 alle ore 19:01


Accedi o registrati per lasciare un commento