username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Gaetano Barreca

in archivio dal 19 dic 2011

09 novembre 1979, Reggio Calabria - Italia

13 marzo 2012 alle ore 12:00

Inquietudini di cera

di Gaetano Barreca

editore: Gaetano Barreca

pagine: 143

prezzo: 4,11 €

Acquista `Inquietudini di cera`!Acquista!

Disagi adolescenziali che nascono da un rapporto conflittuale con una famiglia sentita come estranea, turbamenti per un amore “diverso” che non viene compreso e accettato all'interno del contesto sociale di origine: sono le "inquietudini di cera" che danno titolo al romanzo di Gaetano Barreca.
Scritta in forma epistolare, la prima parte del libro racconta del giovane Icaro, della sua scoperta di essere figlio adottivo di una coppia che non lo comprende e non lo fa sentire amato e desiderato, delle sue prime emozioni e sentimenti d’amore diretti a compagni di scuola che non accettano la sua diversità e lo deridono. La scoperta dell'omosessualità e la presa di consapevolezza della sua inaccettabilità sociale va di pari passo ad una sempre più forte intolleranza nei confronti della famiglia adottiva, indolente e distante dal subbuglio di inquietudini che accompagna il formarsi della personalità di Icaro.
Le lettere in cui Icaro racconta di sè sono dirette a Alessandro detto “Toshi”, amico di università e suo compagno per un periodo: negli scritti, Icaro intende spiegare all’amico quello che di sé non ha mai rivelato, mettendo così a nudo la sua personalità tormentata che cerca un punto di riferimento nell’amuleto di Kephri e nel mito dell’eterna rinascita. Come Kephri, Icaro rinasce ogni giorno pronto a combattere contro un mondo ostile ai suoi sogni e alla sua unicità.
L’ultima parte del romanzo ci trasporta in un periodo successivo e raccoglie testimonianze di Icaro, di Toshi e dell’amica/confidente Iannarèdde in un finale che prende le tinte del giallo.
Senza voler svelare nulla più al lettore sulla trama del libro, è importante soffermarsi sul messaggio che ci viene trasmesso: la consapevolezza della propria unicità e il diritto a perseguire i propri sogni, ad impegnarsi ogni giorno perché si realizzino nonostante il bigottismo di chi ci sta intorno. Per questo la storia di Icaro e Toshi diviene per chi legge testimonianza di libertà ed invito a credere sempre in sé stessi.
Gaetano Barreca gioca abilmente su più piani rimandando a chiusura del romanzo al blog di Alessandro Martini “Toshi”, che estende anche sul web la storia dei “poeti di cera”. Contraltare alle lettere di Icaro è inoltre il romanzo "Martini Bias Crime", dove voce narrante è Alessandro.

recensione di Alessandra Gorlero

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento