username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Giacomo Montana

in archivio dal 02 dic 2005

07 aprile 1948, Livorno

segni particolari:
Amante dell'arte in genere, astronomia, arti marziali, filologia, filosofia, psicologia e altro ancora.

mi descrivo così:
Amo la vera giustizia, le persone leali, combatto le ipocrisie specialmente quelle a danno dei più deboli, mi piace la meditazione che migliora il sé interiore e questo è anche un input per dare buoni consigli a chi è in difficoltà.

06 gennaio 2006

Un uomo e un usignolo

Uomo che rifletti sulla politica attuale,
al buio e nella illuminata stanza,
chi ti fa preoccupare? La politica virtuale,
magone antico, o tua fievole speranza?

Sono grato d’averlo conosciuto
anche lui è più solo e a testa china
preoccupato, triste, dispiaciuto,
con Piazza San Lorenzo in Lucina.

Non faccio il suo nome e senza inganni
non ha bisogno di essere nominato,
tutti sanno chi è, e tutti quegli anni,
che è stato ingiustamente accusato.

Sento ancora nella mano la sua stretta
per combattere cuori sempre concessi al male.
Sento ancora animi commossi, su una via retta,
del Dottor Colosimo e Cavaliere Rossi, è fenomenale.

Ricordi i luoghi ove un giorno
eri l’ospite, l’ospite del sindacato.
Volevi vedere mondo migliore e non disadorno
ogni giorno era avvolto da raggio incantato.

Ancora oggi nel suo gracile corpo provato
la sua mente è un raggio di saggezza
il più bello, imperituro, come liberato
e per le menti il più sonoro di concretezza.

Un usignolo perduto nell’aurora
guarda palazzo Chigi e come oggi è vuoto,
mentre un filo di fumo qua e là vapora
poi lui passa e comincia un canto nel vuoto.

Mentre adesso la politica di anno in anno
va per la sua cieca corsa sprovveduta
Ci rodiamo e in cuore dimora l’affanno
Il sogno, la speranza di giustizia, forse perduta.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento