username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Gianluca Vadalà

in archivio dal 19 nov 2007

09 aprile 1989, Reggio Calabria

segni particolari:
Mai stato baciato, un tatuaggio che racconta tutto quello che amo e che non abbandonerò mai..

mi descrivo così:
Lo scopo delle mie poesie, dei miei racconti, è quello di far provare delle emozioni, di trasmettere sentimenti, e se anche per un istante il battito del suo cuore cambiasse ritmo dopo aver letto una mia frase, quel battito avrebbe dato senso alla mia vita

19 novembre 2007

Mi guarderai e sarai invidiosa

Mi alzerò dal letto... con delicatezza... per non farla svegliare, la guarderò come si guarda un tramonto, come si guarda un'alba, starò zitto, perché nessuna parola potrebbe descriverla, non dirò niente, perché non ci saranno parole alla sua altezza..


La guarderò con i suoi capelli scompigliati... penserò che è proprio diversa da tutte... penserò che forse è davvero un angelo mandato apposta per me... penserò che il suo viso fosse troppo dolce per stare in paradiso...
La guarderò... guarderò la sua pelle nuda tra le lenzuola... abbasserò il respiro per sentire il suo...
mi farò vicino per sentire il suo profumo... mi verrà in mente il nostro primo bacio... mi verrà in mente il sapore delle sue labbra, mi verrà in mente la perfezione dei suoi occhi...
un brivido mi percorrerà... e il suo profumo avrà un nome... il suo nome sarà amore...

 

Non riuscirò a capire... non riuscirò a capire come fa a stare un universo in una stanza... non capirò come fa una ragazza a prenderti cosi tanto... al limite di non desiderare neint'altro che lei
non riuscirò a capire perche non ho sete quando sono con lei... non riuscirò a capire perché quando sono con lei non ho fame...
Capirò che mi disseterò dal suo affetto... capirò che mi ciberò della sua dolcezza..


Mi ricorderò di quando ancora non eravamo nient'altro che amici... mi ricorderò di quando la guardavo... e mi stupivo che nessuno capiva la sua bellezza... mi ricorderò che la guardavo...
la guardavo e mi stupivo... e mi stupivo perché quel viso aveva un nome... io ancora non lo sapevo... ma quel nome era amore...

 

Mi alzerò e mi metterò da parte... e guarderò la tua luce che la illumina... andrò alla finestra e ti guarderò... guarderò le stelle, guarderò il mare... guarderò la notte... e da quel momento niente sarà piu lo stesso... guarderò la notte e la sfiderò, la sfiderò a essere piu bella e affascinante di lei... e la notte perderà, perché nessun paesaggio umano è così bello...

 

Sentirò il suo abbraccio dietro di me... sentirò il suo corpo nudo su di me... saremo lì, su quel balcone... e crederò ai miracoli, e crederò alle fate... e crederò agli angeli, ci baceremo, ci baceremo e saremo una cosa sola, unici due superstiti...

 

E tu ci guarderai... ci guarderai mentre rimarremo abbracciati nella notte... tu, luna ci guarderai e arrossirai... sarai invidiosa perché la notte non sarà mai alla sua altezza, le stelle non saranno mai cosi lucenti come lei...

 

Arrossirai perché vedrai noi due in una cosa sola... arrossirai perché quella cosa avrà un nome... arrossirai perche noi saremo amore...

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento