username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Gianni Quartarone

in archivio dal 24 lug 2008

17 luglio 1973, Torino

segni particolari:
Architetto, disegnatore, sceneggiatore e scrittore nel tempo libero.

mi descrivo così:
Cerco di mantenere fertile la creatività e lo spirito indagatore. Passerei le giornate a disegnare e scrivere, soprattutto sceneggiature e racconti surreali.

24 luglio 2008

Una nuova alba

Guardo attraverso i tuoi occhi
Guardo attraverso te
Sento vibrare forte
Il tuo universo in me

 

Sento ancora le tue mani
Accarezzare il mio profilo
Per quanto tempo ancora
… dovrò aspettarti?

 

Ho provato a ricredermi presto
Non ho trovato quell’errore che
Pensavo di avere commesso
Nel vederti partire così

 

Se esiste ancora un filo leggero
Vorrei irrobustirlo io
Renderlo una corda di canapa
E stringerlo sul cuore

 

E’ mattina ormai qui in città
Il cielo è coperto di nuvole
E’ triste lo so anche per te
Il sole è a riposo quest’oggi

 

Hai pensato a quel giorno in campagna
Stesi su di un prato in festa?
Avevamo poco più di vent’anni
Aspettavamo arrivasse il tramonto

 

So che stai per tornare
Ti sento di nuovo vicina
Sono pronto a tornare sul prato
Per guardare una nuova alba.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento