username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Giosuè Carducci

in archivio dal 15 ott 2003

27 luglio 1835, Valdicastello (LU)

16 febbraio 1907, Bologna

segni particolari:
Sono stato il primo italiano a vincere il premio Nobel, nel 1906.

mi descrivo così:
Acceso sostenitore di un ritorno alle forme classiche che ammiro talmente tanto che le mie famose Odi le ho definite barbare, "...poiché tali suonerebbero agli orecchi e al giudizio dei greci e dei romani, se bene volute comporre nelle forme metriche della loro lirica..."

17 febbraio 2012 alle ore 10:53

Giuseppe Mazzini

Qual da gli aridi scogli erma su 'l mare
Genova sta, marmoreo gigante,
tal, surto in bassi dí, su 'l fluttuante
secolo, ei grande, austero, immoto appare.
Da quelli scogli, onde Colombo infante
nuovi pe 'l mar vedea mondi spuntare,
egli vide nel ciel crepuscolare
co 'l cuor di Gracco ed il pensier di Dante
la terza Italia; e con le luci fise
a lei trasse per mezzo un cimitero,
e un popol morto dietro a lui si mise.
Esule antico, al ciel mite e severo
leva ora il volto che giammai non rise,
—Tu sol—pensando—o ideal, sei vero.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento