username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Giovanni Visco

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Giovanni Visco

  • 18 aprile 2012 alle ore 18:15
    Perdersi nell'anima

    Scesi fino in fondo all’anima per cercar me stesso
    e non trovai  altro che ricordi evanescenti,
    cumuli di rimpianti, frammenti di dolore.
    Tra i mille cocci del mio cuore ve n’era uno,
    più grande e sanguinante, che ancora fremeva,
    si dimenava meschino,  tra rimorsi ed amarezza.
    Era un pezzo della mia gioventù, dimenticato là,
    come uno straccio vecchio e abbandonato.
    Mi guardò veemente ed io non seppi trattenere le lacrime,
    vilmente, abbassai lo sguardo e passai oltre.
    Con passo lento avanzai, tra reminescenze di bambino
    e ardori di adolescente,  in una mescolanza di sensi perduti,
    tra odori e suoni smarriti nel cammino della vita,
    tra amori obliati e sogni lasciati nel cassetto.
    E in quell’abisso sempre più profondo dell’anima mia,
    non seppi ritrovare la strada per me stesso
    e affogai nel monotono ritmare dei giorni,
    sommerso nello squallido scorrere quotidiano.

  • 13 ottobre 2011 alle ore 19:11
    piccole lucciole nel buio

    Piccole lucciole nel buio, i miei pensieri,
    faville di luce sulla tela scura della notte.

    S'innalzano nel cielo, piccole stelle tra le stelle,
    in un batter d'ali dischiuso scintillio.

    S'aggirano lucenti tra arboree sagome,
    minuscoli fari nell'oscurità.

    Nelle movenze leggiadre un'armonia,
    danza sinuosa su placide note.

    S'avviano quiete, nel dolce ondeggiare,
    sospinte da zefiro sospiro.

    Piccole lucciole nel buio, i miei pensieri,
    come lucciole notturne vanno via.

    Faville di luce nell'essenza animale
    irraggiano al tempo infinito.

    Mi elevano a rango divino,
    illusori bagliori di eterna esistenza.

    Sospinti dal vento dell'oblio
    lasciano il buio  dietro di loro.

  • 28 settembre 2011 alle ore 21:08
    TI VEDO

    Ti vedo ….. andare via,
    piccola speranza di una vita migliore,
    racchiusa nel tuo sdegno,
    tra orgoglio e lacrime nascoste,
    nel sentiero greve della vita.
    Ti vedo ….. a testa china,
    tra la gente estranea al tuo dolore,
    fantasma di un amore
    che lotta per non finire,
    stringendo forte i pezzi del cuore.
    Ti vedo ….. respirare
    con l’affanno dell'amarezza,
    stretta nelle tue braccia,
    accarezzata dal vento
    che sospira tra i tuoi capelli.
    Ti vedo ….. sempre più lontana,
    passo dopo passo, lentamente
    un oceano fra noi,
    opposti tra opposte sponde
    che non  si toccheranno mai.
    Ti vedo ….. anima mia
    movente di gioventù,
    nello spazio infinito dei miei sogni,
    nel tempo dei ricordi,
    nel vuoto immenso della mia vita,

    Ti vedo … ti vedo...

  • 28 settembre 2011 alle ore 21:06
    POESIE

    Lampi di affetto
    come lame di rasoio
    tagliano il cuore.
    Sono ricordi sopiti, oscuri momenti,
    che affiorano da gelidi antri
    negli inverni dell'anima.
    Sono strazi di luce
    che accecano gli occhi
    nella vacuità di una lacrima.
    Sono aridi slanci d'amore
    perduti nel vento dell'oblio
    o disciolti nel mare della vita.
    Questioni di noi,
    ragioni di esistere
    smarrite nel nostro universo.
    Riecheggiano ancora
    anche senza di noi
    nel tempo di altri

    sono poesie ....!