username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Giuseppe Gianpaolo Casarini

in archivio dal 02 lug 2012

25 aprile 1940, Milano - Italia

mi descrivo così:
Vecchio Chimico Industriale Corrosionista Pensionato Interessi per Storia-Arte-Letteratura-Viaggi-Teologia

09 aprile 2013 alle ore 10:14

L'amico porcospino ( Il riccio)

Da mesi sai che t’aspettavo o corazzato amico,
or che chiuso l’inverno il tepor de la prima
primavera nuovo risveglio a te  ha poi portato

sì or  del piatto il tintinnio ancor risuona lì
quando la sera tarda alla notte il passo cede
che da quello di dolce pomo sottil fette sottili

lì da man le mie amiche poste traendo coi tuoi
dentini aguzzi rumor crei spegnendo la rinnovata
fame, poi furbescamente aspetti il mio venire

gli occhietti vispi e quel tipico tuo musino son lì
pare mi par per ringraziare che di me non hai
paura che alla maniera non ti rinchiudi a riccio

riccio, un attimo un istante sol poi mi guardi che
poi ratto ratto velocemente sparisci nel giardino.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento