username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Giuseppe Ruocco

in archivio dal 24 ott 2006

22 giugno 1981, Venosa

segni particolari:
Mancino

mi descrivo così:
La coscienza delle tue possibilità, l'incoscienza dei tuoi limiti... y por lo demás ya se verá!

01 dicembre 2006

Cicatrice

Sei ancora dentro di me,
come una cicatrice

scavata nella mia anima

che nasconde una ferita ancora calda.

Segno indelebile nei miei ricordi,

che matti si rincorrono

in un cerchio

che via d’uscita più non ha.

Armatura d’acciaio,

grave fardello della mia anima,

che appesantisci i miei passi.

E mi trascino

e lotto

e grido

e scappo.

Sono matto.

Ma ho le mani legate

e i piedi legati

e nulla posso

contro questa sorte

che m’ha imprigionato.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento