username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 03 mag 2006

Guido Cavalcanti

1248, Firenze
29 agosto 1300, Firenze
Segni particolari: Fui grande amico di Dante.
Mi descrivo così: Sono stato un rappresentante del Dolce stil novo. Nella mie opere la morte e la paura furono uno dei temi fondamentali. Concepii l'amore come "sbigottimento".

elementi per pagina
  • 21 febbraio 2012 alle ore 17:51
    Chi è questa che vèn, ch'ogn'om la mira

    Chi è questa che vèn, ch'ogn'om la mira,
    che fa tremar di chiaritate l'âre
    e mena seco Amor, sì che parlare
    null'omo pote, ma ciascun sospira?
    O Deo, che sembra quando li occhi gira,
    dical'Amor, ch'i' nol savria contare:
    cotanto d'umiltà donna mi pare,
    ch'ogn'altra ver' di lei i' la chiam' ira.
    Non si poria contar la sua piagenza,
    ch'a le' s'inchin' ogni gentil vertute,
    e la beltate per sua dea la mostra.
    Non fu sì alta già la mente nostra
    e non si pose 'n noi tanta salute,
    che propiamente n'aviàn conoscenza.

     
  • 21 febbraio 2012 alle ore 17:49
    Voi che per li occhi mi passaste 'l core

    Voi che per li occhi mi passaste 'l core
    e destaste la mente che dormia,
    guardate a l'angosciosa vita mia,
    che sospirando la distrugge Amore.
    È vèn tagliando di sì gran valore,
    che' deboletti spiriti van via:
    riman figura sol en segnoria
    e voce alquanta, che parla dolore.
    Questa vertù d'amor che m'ha disfatto
    da' vostr'occhi gentil'presta si mosse:
    un dardo mi gittò dentro dal fianco.
    Sì giunse ritto 'l colpo al primo tratto
    che l'anima tremando si riscosse
    veggendo morto 'l cor nel lato manco.

     
  • 06 giugno 2011 alle ore 18:39
    Dante, un sospiro messagger del core

    Dante, un sospiro messagger del core
    subitamente m'assalì dormendo,
    ed io mi disvegliai allor, temendo
    ched e' non fosse in compagnia d'Amore.

    Po' mi girai, e vidi 'l servitore
    di monna Lagia che venìa dicendo:
    «Aiutami, Pietà!», sì che piangendo
    i' presi di merzé tanto valore,

    ch'i' giunsi Amore ch'affilava i dardi.
    Allor l'adomandai del su' tormento,
    ed elli mi rispuose in questa guisa:

    «Di' al servente che la donna è prisa,
    e tengola per far su' piacimento;
    e se no 'l crede, di' ch'a li occhi guardi».

     
  • 06 giugno 2011 alle ore 18:36
    La bella donna dove Amor di mostra

    La bella donna dove Amor si mostra
    ch'è tanto di valor pieno ed adorno,
    tragge lo cor della persona vostra:
    e prende vita in far co·llei soggiorno.

    Perc'ha sì dolce guardia la sua chiostra,
    che 'l sente in India ciascun lunicorno,
    e la vertude l'arma a fera giostra,
    vizio pos' dir no i fa crudel ritorno;

    ch'ell'è per certo di sì gran valenza,
    che già non manca i·llei cosa da bene
    ma' che Natura la creò mortale.

    Poi mostra che 'n ciò mise provedenza:
    ch'al vostro intendimento si convene
    far, per conoscer, quel ch'a lu' sia tale.

     
  • 03 maggio 2006
    Fresca rosa novella

    Fresca rosa novella,
    piacente primavera,
    per prata e per rivera
    gaiamente cantando,
    vostro fin presio mando - a la verdura.
    Lo vostro presio fino
    in gio' si rinovelli
    da grandi e da zitelli
    per ciascuno camino;
    e cantin[n]e gli auselli
    ciascuno in suo latino
    da sera e da matino
    su li verdi arbuscelli.
    Tutto lo mondo canti,
    po' che lo tempo vene,
    sì come si convene,
    vostr' altezza presiata:
    ché siete angelicata--cnatura.
    Angelica sembranza
    in voi, donna, riposa:
    Dio, quanto aventurosa
    fue la mia disianza!
    Vostra cera gioiosa,
    poi che passa e avanza
    natura e costumanza,
    ben è mirabil cosa.
    Fra lor le donne dea
    vi chiaman, come sete;
    tanto adorna parete,
    ch'eo non saccio contare;
    e chi poria pensare - oltra natura?
    Oltra natura umana
    vostra fina piasenza
    fece Dio, per essenza
    che voi foste sovrana:
    per che vostra parvenza
    ver' me non sia luntana;
    or non mi sia villana
    la dolce provedenza!
    E se vi pare oltraggio
    ch' ad amarvi sia dato,
    non sia da voi blasmato:
    ché solo Amor mi sforza,
    contra cui non val forza - né misura.

     
  • Io non pensava che lo cor giammai
    avesse di sospir' tormento tanto,
    che dell'anima mia nascesse pianto
    mostrando per lo viso agli occhi morte.
    Non sentìo pace né riposo alquanto
    poscia ch'Amore e madonna trovai,
    lo qual mi disse: "Tu non camperai,
    ché troppo è lo valor di costei forte".
    La mia virtù si partìo sconsolata
    poi che lassò lo core
    a la battaglia ove madonna è stata:
    la qual degli occhi suoi venne a ferire
    in tal guisa, ch'Amore
    ruppe tutti miei spiriti a fuggire.
    Di questa donna non si può contare:
    ché di tante bellezze adorna vène,
    che mente di qua giù no la sostene
    sì che la veggia lo 'ntelletto nostro.
    Tant' è gentil che, quand' eo penso bene,
    l'anima sento per lo cor tremare,
    sì come quella che non pò durare
    davanti al gran valor ch'è i·llei dimostro.
    Per gli occhi fere la sua claritate,
    sì che quale mi vede
    dice: "Non guardi tu questa pietate
    ch'è posta invece di persona morta
    per dimandar merzede?"
    E non si n'è madonna ancor accorta!
    Quando 'l pensier mi vèn ch'i' voglia dire
    a gentil core de la sua vertute,
    i' trovo me di sì poca salute,
    ch'i' non ardisco di star nel pensero.
    Amor, c'ha le bellezze sue vedute,
    mi sbigottisce sì, che sofferire
    non può lo cor sentendola venire,
    ché sospirando dice: "Io ti dispero
    però che trasse del su' dolce riso
    una saetta aguta,
    c'ha passato 'l tuo core e 'l mio diviso.
    Tu sai, quando venisti, ch'io ti dissi,
    poi che l'avéi veduta,
    per forza convenia che tu morissi".
    Canzon, tu sai che de' libri d'Amore
    io t'asemplai quando madonna vidi:
    ora ti piaccia ch'io di te mi fidi
    e vadi'n guis' a lei, ch'ella t'ascolti;
    e prego umilemente a lei tu guidi
    li spiriti fuggiti del mio core,
    che per soverchio de lo su' valore
    eran distrutti, se non fosser vòlti,
    e vanno soli, senza compagnia,
    e son pien' di paura.
    Però li mena per fidata via
    e poi le di', quando le se' presente:
    "Questi sono in figura
    d'un che si more sbigottitamente".

     
  • Io vidi li occhi dove Amor si mise
    quando mi fece di sé pauroso,
    che mi guardar com' io fosse noioso:
    allora dico che 'l cor si divise;
    e se non fosse che la donna rise,
    i' parlerei di tal guisa doglioso,
    ch'Amor medesmo ne farei cruccioso,
    che fe' lo immaginar che mi conquise.
    Dal ciel si mosse un spirito, in quel punto
    che quella donna mi degnò guardare,
    e vennesi a posar nel mio pensero:
    elli mi conta sì d'Amor lo vero,
    che[d] ogni sua virtù veder mi pare
    sì com' io fosse nello suo cor giunto.

     

     
  • Perch'i' no spero di tornar giammai,
    Ballatetta, in Toscana,
    va' tu, leggera e piana,
    dritt' a la donna mia,
    che per sua cortesia
    ti farà molto onore.
    Tu porterai novelle di sospiri
    piene di dogli' e di molta paura;
    ma guarda che persona non ti miri
    che sia nemica di gentil natura:
    ché certo per la mia disaventura
    tu saresti contesa,
    tanto da lei ripresa
    che mi sarebbe angoscia;
    dopo la morte, poscia,
    pianto e novel dolore.
    Tu senti, ballatetta, che la morte
    mi stringe sì, che vita m'abbandona;
    e senti come 'l cor si sbatte forte
    per quel che ciascun spirito ragiona.
    Tanto è distrutta già la mia persona,
    ch'i' non posso soffrire:
    se tu mi vuoi servire,
    mena l'anima teco
    (molto di ciò ti preco)
    quando uscirà del core.
    Deh, ballatetta mia, a la tu' amistate
    quest anima che trema raccomando:
    menala teco, nella sua pietate,
    a quella bella donna a cu' ti mando.
    Deh, ballatetta, dille sospirando,
    quando le se' presente:
    "Questa vostra servente
    vien per istar con voi,
    partita da colui
    che fu servo d'Amore".
    Tu, voce sbigottita e deboletta
    ch'esci piangendo de lo cor dolente,
    coll'anima e con questa ballatetta
    va' ragionando della strutta mente.
    Voi troverete una donna piacente,
    di sì dolce intelletto
    che vi sarà diletto
    starle davanti ognora.
    Anim', e tu l'adora
    sempre, nel su' valore.

     
  • Gli occhi di quella gentil foresetta
    hanno distretta - sì la mente mia,
    ch'altro non chiama che le', né disia.
    Ella mi fere sì, quando la sguardo,
    ch'i' sento lo sospir tremar nel core:
    esce degli occhi suoi, che me [ . . ] ardo,
    un gentiletto spirito d'amore,
    lo qual è pieno di tanto valore,
    quando mi giunge, l'anima va via,
    come colei che soffrir nol poria.
    I' sento pianger for li miei sospiri,
    quando la mente di lei mi ragiona;
    e veggio piover per l'aere martiri
    che struggon di dolor la mia persona,
    sì che ciascuna vertù m'abandona,
    in guisa ch'i' non so là 'v'i' mi sia:
    sol par che Morte m'aggia 'n sua balìa.
    Sì mi sento disfatto, che Mercede
    già non ardisco nel penser chiamare,
    ch'i' trovo Amor che dice: "Ella si vede
    tanto gentil, che non pò 'maginare
    ch'om d'esto mondo l'ardisca mirare
    che non convegna lui tremare in pria;
    ed i', s'i' la sguardasse, ne morria".
    Ballata, quando tu sarai presente
    a gentil donna, sai che tu dirai
    de l'angoscia[to] dolorosamente?
    Di': "Quelli che mi manda a voi tra guai,
    però che dice che non spera mai
    trovar Pietà di tanta cortesia,
    ch'a la sua donna faccia compagnia".

     
  • In un boschetto trova' pasturella
    più che la stella - bella, al mi' parere.
    Cavelli avea biondetti e ricciutelli,
    e gli occhi pien' d'amor, cera rosata;
    con sua verghetta pasturav' agnelli;
    [di]scalza, di rugiada era bagnata;
    cantava come fosse 'namorata:
    er' adornata - di tutto piacere.
    D'amor la saluta' imantenente
    e domandai s'avesse compagnia;
    ed ella mi rispose dolzemente
    che sola sola per lo bosco gia,
    e disse: "Sacci, quando l'augel pia,
    allor disia - 'l me' cor drudo avere".
    Po' che mi disse di sua condizione
    e per lo bosco augelli audìo cantare,
    fra me stesso diss' i': "Or è stagione
    di questa pasturella gio' pigliare".
    Merzé le chiesi sol che di basciare
    ed abracciar, se le fosse'n volere.
    Per man mi prese, d'amorosa voglia,
    e disse che donato m'avea 'l core;
    menòmmi sott' una freschetta foglia,
    là dov'i' vidi fior' d'ogni colore;
    e tanto vi sentìo gioia e dolzore,
    che 'l die d'amore - mi pàrea vedere.