username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Hermann Hesse

in archivio dal 12 giu 2001

02 luglio 1877, Calw - Germania

09 agosto 1962, Montagnola, Lugano - Svizzera

segni particolari:
Un autodidatta che ha vinto il premio Nobel, nel 1946.

mi descrivo così:
Suona strano un tedesco interessato al misticismo orientale?

20 giugno 2013 alle ore 8:21

Narciso e Boccadoro

di Hermann Hesse

editore: Mondadori

pagine: 282

prezzo: 7,13 €

Acquista `Narciso e Boccadoro`!Acquista!

Hermann Hesse pubblica nel 1930 una delle opere più celebri e più profonde della letteratura mondiale: "Narciso e Boccadoro".
La vicenda si apre nel monastero di Mariabronn in Germania, dove il giovane Narciso è monaco dalle incredibili doti spirituali, capace di leggere nell’animo delle persone. Qui si reca il giovinetto Boccadoro, accompagnato dal padre, perché il figlio diventi monaco e si liberi  della sua natura sensuale peccaminosa ereditata dalla madre; una madre appena accennata, figura evanescente, come un’ombra sulla quale occorre fare chiarezza. Il monaco Narciso, futuro abate Giovanni, coglie in lui una predisposizione alla vita dei sensi e una notevole inclinazione artistica, in una fuga da sé che non si placherà finché non incontrerà col ricordo la vera Madre, la donna che effettivamente cerca. Quindi lo aiuta a recuperare i ricordi in un processo psicoanalitico. Guidato dalle parole del monaco: ”La mia meta è questa: mettermi sempre là dove io possa servir meglio, dove la mia indole, le mie doti e le mie qualità trovino il terreno migliore, il più largo campo di azione”. Il giovinetto si mette in marcia in una sorta di pellegrinaggio che lo porta sul finire del 1300, mentre impazza in Europa la peste, in giro tra le braccia di molte donne, nella condivisione di molte amicizie maschili e femminili. Segno che ciò che più gli appartiene è la vita mondana. Approda alla bottega di un artista famoso e scolpisce l’apostolo Giovanni, premonizione del futuro abate Giovanni.
Rifiuta di  diventare Maestro d’arte e di sposare la figlia del famoso artista, Elisabetta, e riprende il suo pellegrinaggio dell’anima; alla fine, stanco e vecchio, incontra, in seguito ad una caduta da cavallo, la Madre Eterna, lo scopo della sua vita, ma si rifiuta di scolpirla, perché tale è stato l’impatto emotivo che l’ha profondamente introiettata. Rientra nel monastero, dove trova l’amico abate in crisi spirituale, perché mancante di una parte, quella sensitiva, mentre lui, che ha conosciuto orrori e bellezze del mondo, ha fin troppo sviluppato l’aspetto mondano.
In un romanzo dallo stile sublime e nobile l’autore affronta, anche con l’aiuto degli altri personaggi, che non sono corollario della storia, ma parti integranti della stessa, una problematica difficile, sviscerata con una profondità e accuratezza sconcertanti: l’integrazione tra Natura e Cultura, Ragione e Spirito, Istinto e Logos,Religiosità e Mondanità; certo che solo chi conosce l’abisso della carne e della perdizione può assurgere all’altezza dello Spirito, come avviene a Boccadoro che, attraverso l’incontro con la madre Eterna, eleva sullo scadere della sua vita, la parte spirituale e muore profondamente integrato.
Il compito del’uomo è quello dell’integrazione, perché la “poesia è l’unica prova concreta dell’esistenza divina". La debolezza dell’abate, votato interamente alla Cultura e al Misticismo, è la prova vivente della sua carenza e, avvertendo questa mancanza con i sensi, tocca anch’egli i vertici dell’integrazione attraverso una consapevolezza sensistica.
Hesse raggiunge  l’apice  della sua prosa altamente poetica e scava in un andamento da vertigine la dimensione umana, intrisa di tutti quegli elementi che attraversano la  sua vita: Misticismo, Religione, Spiritualità, Cristianesimo, Buddhismo, Induismo, elevando un canto all’amicizia, posto, epicureicamente, in cima alle priorità umane.

recensione di Giovanna Albi

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento