username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Irene Pizzimenti

in archivio dal 28 nov 2005

??/??/19??, Palermo

mi descrivo così:
Silenziosa, testarda, amante dei piccoli ma costanti passi, osservatrice sorridente con forte empatia per il mondo tutto.

10 novembre 2009

I biglietti appesi

Sospiro lento
s'incrocia il mio andare al tuo
Mani strette sotto la pioggia
sono assemblati all'anima
i vestiti bagnati
i nostri passi
attenti nell'ascoltare piano i sogni
nel raccogliere dalle porte chiuse
i biglietti appesi fuori dalla gente
per un domani più leggero
per giorni senza fame
per giorni senza sete
Ed è l'andare antico
di ogni uomo
coi propri piedi scalzi
scheggiati dalla fatica
Ed è la pioggia
che ripulisce ogni ferita
ogni contrada abbandonata
Vissuti d'emozione
scivolano silenziosi sui nostri visi
Armonie lente
Dolore assopito
Ripasso di storie trascorse
Scritture per ricordare chi è andato
Preghiera di speranza
i nostri occhi restano sospesi in un cielo
che infinitamente grande
non perde mai nulla nelle sue strade.

E l'anima si trascina oltre
Attorno silenzioso il mondo.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento