username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Ivana Innocente

in archivio dal 30 dic 2005

04 ottobre 1981, Ragusa

mi descrivo così:
Ironica

30 marzo 2006

Tu non c'eri...

Una notte ti ho cercato...

Ti ho cercato nei miei sogni,

che d'un tratto si fecero lucidi.

Spiccai il volo.

Pensai che più in alto sarei arrivata,

più la mia ricerca sarebbe stata semplice.

Spiccai il volo.

Il cielo blu non mi spaventava.

 

Durante il viaggio,

avvertì inquieti momenti di stanchezza.

Strana avventura la mia.

Pensa, che incontrai

un reale sciame di stelle.

Mi sentivo desiderosa...

Appena ti avrei trovato

oh musa mia, ti avrei baciato.

Dal mio calice,

avresti bevuto la mia essenza.

 

Ma ero stanca... tanto stanca,

e tu non c'eri oh musa mia.

Tu non c'eri.

 

Ero talmente desiderosa...

Ma il desiderio ti dà gli odori

e i vapori si consumano,

difficilmente si raccolgono in concretezza.

 

Tu non c'eri oh musa mia.

tu non c'eri.

 

Mi rifugiai nel mio passato

travestito da futuro.

Che strana sensazione straniante...

Volevo uscire da quello stato,

da quella noia mortale.

Ma esso mi aveva inglobata,

mi aveva resa prigioniera.

Prigioniera dei miei desideri.

 

Lo specchio di ingresso,

mi sembro l'unica via d'uscita.

Lo attraversai inquieta.

Stupita,

mi ritrovai al punto di partenza.

Era la mia casa...

Era la mia prigione,

nient'altro che la mia prigione.

 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento