username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Jean Teulé

in archivio dal 18 feb 2011

26 febbraio 1953, Saint-Lô, Manche - Francia

segni particolari:
Eclettico, imprevedibile, estroso. Qualcosa si percepisce dalla mia faccia, che è tutto un programma.

mi descrivo così:
Romanziere e fumettista. Ho donato il mio estro anche al cinema e alla televisione.

18 febbraio 2011 alle ore 16:21

Il negozio dei suicidi

di Jean Teulé

editore: Vertigo

pagine: 176

prezzo: 13,30 €

Acquista `Il negozio dei suicidi`!Acquista!

Letto oggi, credo di essere scoppiata a ridere già dopo due pagine!
Una famiglia di commercianti ha ormai da generazioni un "negozio di suicidi". I coniugi che fanno di tutto per mantenere un'atmosfera degna della Famiglia Addams e per deprimere ancora di più i clienti e se stessi, ascoltano senza interruzione le notizie dei vari telegiornali, hanno due figli che tirano su a forza di depressione e racconti sui personaggi storici che si sono suicidati (da lì anche i loro nomi; Vincent da Van Gogh e Marylin da Monroe). I casini iniziano quando nasce Alan (da Alan Turing), un bimbo che già in fasce, contro ogni regola del DNA, sorrideva. Dotato di un ottimismo straordinario sarà non solo la pecora nera della famiglia, ma anche quello che darà più pensieri e tribulazioni ai genitori.
La fine lascia veramente senza parole!
Un libricino geniale! Chi ama l'humour un po' nero e anche cinico, si farà un bel po' di risate!
Leggetelo!

recensione di Katia Guido

Commenti
  • Paolo Coiro Mi hai fatto veramente venir voglia di leggerlo. E' uno stile che apprezzo ;)

    18 febbraio 2011 alle ore 16:50


  • Katia Guido è veramente divertente! fammi sapere dopo se ti è piaciuto!

    18 febbraio 2011 alle ore 21:45


  • Antonio Colosimo Deve essere davvero divertente. Mi sa che lo leggerò.

    19 febbraio 2011 alle ore 19:00


  • Katia Guido Si è un libricino che si legge in una giornata, ma divertente! Fammi sapere anche tu!

    20 febbraio 2011 alle ore 21:24


Accedi o registrati per lasciare un commento