username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Katia Guido

in archivio dal 30 nov 2005

Bressanone - Italia

segni particolari:
Redattrice di Aphorism dal 2005. In tanti, troppi, mi dicono che sono come "Amélie"

mi descrivo così:
Unite eredità abruzzese, derivazione altoatesina, una presa veneta. Più tardi un pizzico d'Inghilterra. Servite: incorreggibile romantica, eterna sognatrice, moderatamente folle, rapita dalla luna, malinconica ma quasi sempre allegra, invaghita d'Irlanda.

14 dicembre 2009

Risking the Fall * Rischiare la caduta

Wandering around with no real place to go
Something keeps me locked inside an invisible cage
Probably some kind of promised dream with no tangible shape.
Trees swaying softly listening - perhaps - to some lullaby
that no human ear could ever advert even with a cry.
A sunflower looking for the one and only sun to catch
the one to stay by its side forever.
But it's only the sun and it cannot reach it
even if it stretches out as much as it can.
Once a lonely heron in the sky flew round killing time
She saw a lovely swan looking her way
Feeling fear rising in her chest to another place she broke away
Somewhere kids blow old white dandelions
spreading the small laughing parachutes in the air.
I feel like an old confined vagabond.
I fly back again to the place I simply call home.
Something catches my eye and it's the swan I once saw.
No time for fear now, no time to linger.
Sometimes it's worth risking the fall.

***
Traduzione

Girovagando senza nessun posto particolare dove andare
Qualcosa mi tiene rinchiusa in una gabbia invisibile
Probabilmente una specie di sogno promesso senza una forma precisa.
Gli alberi oscillano dolcemente ascoltando - forse - una cantilena
che nessun orecchio umano può avvertire nemmeno con un urlo.
Un girasole cerca il solo e unico sole da afferrare
quello che starà al suo fianco per sempre.
Ma è solo il sole e non riesce raggiungerlo nemmeno se si allunga più che può.
Una volta un'airone solitaria nel cielo volava in tondo per ammazzare il tempo
Lei vide un bellissimo cigno che guardava nella sua direzione
Sentendo la paura crescere nel suo petto scappò via in un altro posto
Da qualche parte i bambini soffiano i vecchi bianchi soffioni
spargendo piccoli ridenti paracaduti nell'aria.
Mi sento come un vecchio vagabondo confinato.
Ritorno in volo al posto che semplicemente chiamo casa.
Qualcosa colpisce il mio sguardo ed è il cigno che vidi allora.
Non c'è tempo per la paura ora, non c'è tempo di indugiare.
A volte vale la pena di rischiare la caduta.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento