username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Leonardo Manetti

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Leonardo Manetti

  • 08 febbraio 2014 alle ore 22:20
    Roma

    Un pozzo senza tempo
    l'acqua sgorga dalle fontane
    un cunicolo porta a San Pietro
    come guardare dal buco della serratura,
    segreti archeologici e morali
    alla bocca della verità non puoi mentire.

    Una semplice via porta in chiesa,
    scavi, archi, palazzi, teatri
    ogni angolo riserva una sorpresa
    parchi, monti, colli, giardini
    una villa ospita lo zoo
    dove natura e storia si legano.

    Piramide e obelischi portano nell'Egitto
    Madre Teresa di Calcutta in India
    l'icona della carità unisce i popoli
    ogni paese ha la sua ambasciata
    pure un'isola non manca, tra i ponti lungo il Tevere,
    sul Milvio allucchetti speranze.

    “L' INCANTO DI ROMA” avvolge in un sogno
    trasporta in un secolo lontano
    le botticelle trottavano sui sanpietrini
    trasportavano botti con merci,
    solo in epoche più moderne
    arriva foro italico e stadio olimpico.

     

  • 01 novembre 2013 alle ore 9:25
    Polvere dispersa

    Ceneri vissute,

    il tempo della danza

    l'ora della foglia.

    Carta ingiallita

    su scaffali traballanti

    dal peso dei libri.

    Arbusti sempreverdi,

    un vento pazzo

    sradica le radici.

    Organi donati,

    il corpo senza anima

    è avvolto dalle fiamme.

    Gesto doveroso,

    un rituale sano

    esclama la libertà.

    Regalo al mare, al cielo,

    al prato, a un albero...

    un viaggio senza tempo .

  • 09 settembre 2013 alle ore 17:21
    Cogli l'attimo

    In una stanza buia
    ti ho trovata,
    in una stanza radiosa
    ti ho conosciuta.
    Tra mille passanti
    chilometri di lettere
    rubano le tue parole
    guardandoti negli occhi.
    Un lucente raggio di sole…
    emozioni, pensieri ed alchimia
    confidiamo nel segreto
    di un incontro illuminato.
    Sotto parole incantate
    e una polvere magica,
    i nostri cuori si sono aperti
    con la sola chiave della fiducia.

  • 01 giugno 2013 alle ore 16:17
    Adelina

    Il tuo lavoro è una maschera
    in un mondo indifferente,
    la tua anima è reale
    di colori variopinti solari.

    Il tuo tacco è femminilità
    I tuoi orecchini semplici accessori
    sul tuo corpo elegante,
    sensuale tra profumi provocanti.

    Occhi sinceri da bambina
    immersi fra parole di ragazza
    sfiorati da mani di donna,
    raccolti nei pensieri maturi della vita.

    Tu sei speciale, normale
    nella estraneità apparente,
    il tuo fare quotidiano
    di una semplice giornata.

  • 31 maggio 2013 alle ore 18:11
    Eros

    Spoglia di seta rossa
    avanzi tra i papaveri
    tu fiore celeste
    incanto ai miei occhi.

    Petali danzanti...
    intrecci armoniosi,
    sento il soffio del vento
    accarezzare il mio collo.

    Respiri affannati
    su carezze tempestose...
    vortici incontrollati
    inondati dai tuoi baci.

  • 20 maggio 2013 alle ore 15:45
    POESIA DE AMOR

    El sólo pensar en ti me hace feliz,
    El sólo mirarte a los ojos
    curaba mis heridas,
    El sueño de tenerte me llenaba
    El corazón de felicidad.

    Todas las veces que te encontraba
    Podía sentir que el latido aumentaba
    Una dulce sensación
    envolvía mi cuerpo.

    No quería enamorarme
    No quería abrir los ojos
    Continuaba a seguir mi camino
    Ignorando las palabras del corazón.

    Gritaba alto inútilmente,
    trasmitía palabras, sonidos y emociones
    Que yo fingía obstinadamente
    no sentir.

    No queria hacerte saber lo especial que eras,
    Quizás a veces la inconsciencia,mucho más sincera que yo
    Traicionaba mis mentiras,
    y armoniosamente pintaba la verdad.

    Por suerte la vida
    No es siempre el lecho de un río,
    sino una rueda que gira,
    Un tren perdido pero cogido con retraso.

    http://www.youtube.com/watch?v=8XeqQ6Sr0WM

  • 20 maggio 2013 alle ore 15:44
    L' ELASTICO DELL'AMORE

    Il solo pensarti mi rallegrava,
    Il solo guardarti negli occhi
    Curava le mie ferite,
    Il sogno di averti mi riempiva
    Il cuore di felicità.

    Le volte che ti incontravo
    Sentivo il battito aumentare,
    Una dolce piacevole sensazione
    Avvolgeva il mio corpo.

    Non volevo innamorarmi,
    Non volevo aprire gli occhi.
    Continuavo a percorrere la mia dritta via
    Ignorando le parole del cuore.

    Urlava inutilmente a gran voce,
    Trasmetteva parole, suoni e emozioni
    Che io caparbiamente facevo finta
    Di non sentire.

    Non volevo farti capire quanto eri speciale,
    Forse a volte l’inconscio, molto più sincero di me
    Tradiva le mie bugie,
    E dipingeva armoniosamente la verità.

    Per fortuna la vita
    Non è sempre un letto di un fiume,
    Ma una ruota che gira,
    Un treno perso ma preso in ritardo.

    http://www.youtube.com/watch?v=XNObxBZkd40

  • 15 maggio 2013 alle ore 18:33
    Nuvole Grigie

    Vibrano le campane,
    canta il merlo,
    il sole si affaccia
    tra nuvole di pioggia
    annunciando l’arrivo di un nuovo giorno.
    Piccole gocce rumorose
    cadono sul tetto,
    un ombrello di terrecotte,
    scivolano sul vetro
    -scusate ma non potete entrare -
    bagnano la terrazza.
    L’acqua scorre sulla pista,
    sassi saltati come ostacoli,
    un ruscello artificiale,
    una foce di ferro.
    Un cielo grigio,
    malinconia e nostalgia
    nel mio cuore sonnolente,
    ricorda il deserto che avanza
    l’acqua che manca,
    pensa agli acquazzoni
    senza freno.
    Fiumi lungo vie d’asfalto,
    macchine sommerse,
    se piove giusto quel che serve
    o poco più,
    una sera d’estate davanti a un dipinto,
    pozze su ombre grigie,
    esclamo che bello.