username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Lorenzo Cassano

in archivio dal 16 nov 2009

14 febbraio 1969, Bari

segni particolari:
curioso

mi descrivo così:
Vorrei essere un grande poeta... ma il pomeriggio casco dal sonno.

14 gennaio 2010

Mastro Nicola

Intro: Le case non si costruiscono solo con la calce e i mattoni. Ce lo insegna l'apprendista di Mastro Nicola. Sono due generazioni, ma anche due mentalità molto diverse tra loro quelle che si ritrovano in questo breve racconto.

Il racconto

Mastro Nicola mi metteva alla prova sin dall’alba con caffè corretto al cordiale e iniziava la lezione: -“Che so quegli occhi, chissà che hai fatto stanotte, cazzi tuoi, basta che non mi fai stare indietro col lavoro”.
No che non resterai indietro.
La giornata passava veloce, aveva sempre qualcosa da ridire ma non ci credeva manco lui.
Ogni tanto passava qualche ragazzina e la lezione riprendeva: - "Hai già un’età, ti devi scegliere una brava ragazza, piccola e te la devi crescere, così non te la toccano gli altri, poi per pompare ci sono le buttane”.
Alla pausa pranzo mi dava i soldi per due tre quarti, era la seconda prova, però, dopo una critica alle ridotte dimensioni del mio panino, iniziava ad elogiarmi dinnanzi agli altri: “Porta i capelli lunghi ma è bravo, non mi fa mai mancare la calce, deve solo crescere e capire come va il mondo”.
Le ultime ore erano le più lunghe, ma passavano anche quelle, prima dei saluti l’ultima prova, una tre quarti in due mista al gingerino, e partiva l’ultima lezione: -“Adesso che fai? Io c’ho la signora che mi aspetta, mi lavo, mangiamo il pranzo grosso, ci mettiamo a letto, vedo il telegiornale, se ho voglia di farmi una pompata la signora non dice mai di no, sennò iniziamo un film e ci addormentiamo, e tu, non me l’hai detto, che fai?”
La risposta era sempre la stessa: “Costruisco la mia casa”.
Rideva e andava via, a rifugiarsi nel suo mondo privato, forse chiedendosi: -“E con che se la fa la casa?”
Con carta e inchiostro Mesto Nicò.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento