username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Luca Marchiano

in archivio dal 24 mar 2009

03 gennaio 1983, Verbania

mi descrivo così:
Un ragazzo a posto, papà di due bimbi innamorato della mia famiglia, della musica (suono e canto in una punk band) e dei racconti noir e horror.

03 maggio 2011 alle ore 20:13

Ero il cancro.

Intro: Ora farei praticamente tutto, Per riportarti da me. Invece continuo soltanto a ridere.Nascondendo le lacrime nei miei occhi . Perchè; i ragazzi non piangono I ragazzi non piangono . I ragazzi non piangono ...The cure; Boys don't cry.

Il racconto

Uccidere è stato più facile di quanto pensassi.
E stato così naturale.
Mentre sentivo l'odore del suo sangue pensavo ai documentari sugli

animali,
quelli che fanno la domenica dopo pranzo, dove c'è il leone che afferra

la gazzella per la gola,
la scuote cercando di spezzarle il collo. Il sangue non mi impressionò

affatto. Mi guardai le mani 
piene di grumi, cervella, piccoli frammenti di ossa. Per un attimo ebbi

la tentazione di assaggiare
ciò che fuoriusciva dal corpo esanime della mia vittima, un

irrefrenabile tentazione, una fame
interiore , primitiva, essenziale.
Non giudicatemi.
Non condannatemi.
Così come non condannate il leone che sbrana la sua preda e i suoi

piccoli. 
E' solo fame. E' solo istinto. Amore per la vita, sopravvivenza.
Non  dovetti fare nessuno sforzo per squartare la carne con il coltello da

cucina. Quello del set di mia suocera, che ci regalò al matrimonio.

L'odore di morte, misto al suo profumo mi ricordò le notti di passione,

sesso e alcool. Quando le emozioni si uniscono alle sensazioni, dove la

razionalità si lascia soffocare dalla  bellezza dell' istinto.
Infilai le mani nella profonda ferita, proprio al centro del ventre, alla

ricerca della risposta, il motivo del mio atto violento. Spostai le

interiora, ero convinto di trovare la sua anima cariata, la malattia

che la cambiò, che la trasformò in quel essere odioso. Cosa aveva

trasformato  in orribili e acidi borbottii la sua voce melodiosa, piena

d'amore per me?  Chi aveva oscurato il suo sguardo pieno di

compassione, trasformando le due perle di cielo dei suoi occhi in lampi

di odio?
Cercai strappando la carne, i tessuti , le ossa.  Mi ferii le mani

grattando dentro di lei.
Poi la verità mi raggiunse, arrivò alle mie spalle. Il suo alito gelido,

fetido mi stordì. La mia risposta era uno spettro senza occhi, la bocca 

orribilmente spalancata, il corpo privo di vita, ossa avvolte da pelle

verdastra e  rinsecchita.
Come? I ricordi mi travolsero.
Ero io.
Il cancro nella sua anima ero io.
Guardai nella bocca dello spettro, nel suo pozzo nero infinito.
Ricordai tutto.
Quella notte, alcool rabbia, frustrazione.
La notte in cui stuprai mia moglie.
In quella notte gettai al vento la mia vita e rovinai per sempre la sua. 

I suoi occhi si spensero per sempre.
La uccisi già tempo fa.
Il fantasma mi prese le mani. Nelle sue cavità oculari vidi il suo

disgusto. Un mostro che prova disgusto per me!
Io anima dannata!
Prese il coltello da terra e me lo diede.
- Fa quello che devi, disse rantolando. - Pregherò per la tua anima.

Sussurrò prima di sparire.
Rivolsi il coltello verso il pio petto e mi trafissi il cuore. Sentii la lama

gelida entrare nella carne e portarmi via la
vita. Lentamente.
Lentamente.
Chiusi gli occhi e si spalancarono le porte dell'inferno.
La mia nuova lugubre , terrificante, casa.
Che divido con demoni feroci  e anime dannate come la mia.

Fine.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento