username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Lucia Santarcangelo

in archivio dal 18 apr 2011

13 settembre 1989, Pisticci - Italia

18 aprile 2011 alle ore 17:11

Amarezza

Di notte,
mentre le civette intonavano il loro canto lugubre,
mi ridestai dal sonno.
Vidi il tuo viso,
assaporai le tue labbra,
accarezzai il tuo corpo.
Però, come suole fare ogni sogno,
al risveglio tutta la tua essenza era perduta.
Insoddisfatta allungai il braccio,
nel vano tentativo di sfiorare la tua figura,
lì,
fra le buie lenzuola,
illuminate soffusamente da un debole fascio di luce.
Il tuo fantasma mi aveva abbandonata.
Mi lasciai cullare dalla materna notte
Nella totale inquietudine della solitudine:
“compagna eterna della mia esistenza”.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento