username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Luciano Vitiello

in archivio dal 02 set 2011

12 febbraio 1991, Roma

mi descrivo così:
I vestiti buoni sono per i morti nelle casse.

02 settembre 2011 alle ore 15:36

La ballata della polvere

E fori dar vetro
zozzo e ‘r fischio
de’a corente

ho visto ‘n cane
cor pelo aruffato
purcioso der color

dea sabbia
rincorreva e rote
de fero e volea

magnasse a’armadilli
demetallo che coreveno
‘r filo d’acciajo

rugginito e vecchio
de porvere e vagoni
‘o visto e c’ho pensato

a gloria de cambia
du scudi pe na corsa
ner servaggio

ndo sta?
Sta ner fatto che a vive
de stenti e de cieli

bblu e de saccocce
vote e de denti de fori
n’abbasta na cassa

pe tene tutto er vento
che te gonfia er petto.

_______________________

Da ‘o scomparto accanto
ho sentito na chitara
e ‘n pezzo de tubo

che strofinava su e corde
marcite e su li magneti
da rigattiere.

Poi na voce grassa
e catarrosa e ‘nvecchita
da a tormenta

‘i scozzi sui sedili
e na canzone d’amore
a gonfià qu’a plastica

maledetta.
A na certa
‘abbestia ha smesso

da core e poi
s’è seduta ‘n mezzo
‘aa tera.

Ha mmesso a capoccia
nnietro ha scoperto
ar monno er gozzo

e ho visto e zanne
gialle luccicà sotto ar sole
prima che quer verme

de fero me portasse
a ‘o scalo doppo.
E so sceso

me so ‘cceso na paja
e l’ho sentito
ululà.

‘O sentito salutà
er vecchio ch’è
sceso doppo de me

co ‘n braccio na chitara
come se fosse ‘na pupa.

E io co i brilluccichi
de ‘nvidia ‘o cchiappato
pe a giacca

e j’ho detto
a sor maè, ma come
se spiega?

E lui m’ha soriso
da dentro abbarba
grigia

e lui m’ha guardato
co l’occhi larghi
com’orizzonte

e me fa
questa è na risposta
no na domanna

fijo bello.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento