username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Manuela Del Romano

in archivio dal 16 giu 2008

13 febbraio 1976, Varese

17 giugno 2008

La faccia

Intro: Aspettative mal riposte, delusione? O forse è un amore che non ama abbastanza, per cui la fuga è l'unica via? Parole decise a raggiungere il destinatario, forti e fragili allo stesso tempo.

Il racconto

Prima c’eri tu a colorare quello spazio nero. Poi ho messo un fiore.
È viola, forse è un ciclamino.
Almeno non mi guarda con quello sguardo indagatore ma evanescente al tempo stesso.
Non mi giudica una poco di buono né una rompiscatole solo perché domando cose che mi si dovrebbero dire senza che nemmeno io le chieda.
E piantala di fare quella faccia.
Lo sai anche tu che ho ragione.
Non puoi pensare che davvero le cose vadano bene quando non hai mai voglia di condividere nulla con me.
Alzati da questo buco nero e vattene. Lasciami da sola, lasciami quegli spazi che mi hai rubato e che alla fine non sapresti nemmeno come usare.
Viviti la tua vita e lasciami qui a godermi della mia.
Parti per quel viaggio che hai sempre voluto fare ma che non hai mai fatto.
Sollevati dal mio petto e vai e spacca il mondo.
Respira piano, basta affanni. Ne hai avuti e regalati troppi.
Ora, gambe in spalla vai verso quel futuro di promesse che da sempre immagini.
E ricordati, mentre sei in viaggio, che sei solo una mia foto.

 


Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento