username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Marcello Caloro

in archivio dal 24 gen 2009

13 ottobre 1960, Taranto

24 gennaio 2009

Al suono di mute note

Odo l’onda infrangersi
sulla conchiglia rapita allo scoglio
note grevi di flauto traverso
vibrate dal galoppo del maestrale
nel vuoto guscio privato di vita
risorto all’antica melodia
custodita dalla mareggiata.

 

Odo grida sgorgare
dai cuori rapiti all’innocenza
note acute di violino Tzigano
diffuse da bimbi smarriti
condannati da menti impazzite
a giocare tra morti smembrati
girotondi sulla terra che trema.

 

Odo il vento spargere
sui germogli riarsi dall’odio
armonie da un coro cantate
voci bianche che spiegan la via
alle anime grigie smarrite
nel percorrere l’umana follia
per serbare il candore dei cigni.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento