username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 31 ott 2007

Marco Perdonino

20 maggio 1976, Nardò

elementi per pagina
  • 31 ottobre 2007
    Quando entrano le ombre.

    Le ombre bussano prima di entrare
    ed entrano in silenzio senza aspettar consensi.
    Quando entrano le ombre
    mi prende la voglia di andarmene via.
    O io o le ombre
    dico a mia madre
    e mia madre scuote il capo
    e non ha il viso,
    ha sul viso i colori incolore ed ocra delle tarde ore.
    Quando entrano le ombre,
    la luna sputa ad una ad una tutte le stelle
    e la notte sputa la luna.
    Quando entrano,
    le ombre mi guardano sospettose
    ma: "Non sono stato io a tirar il giorno fuori dalla tasca!"
    Una affianco all'altra,
    braccia incrociate.
    Una affianco all'altra,
    una sull'altra
    ad imbottir claustrofobica la stanza:
    facce scure ad impaurirmi,
    facce torbide ad aspettar la sera.
    Quando entrano le ombre,
    due ragazzi son fuori
    a ricercar poesie nel tramonto,
    due ragazzi son fuori
    con le ombre d'amido stirate e nude nel primo cassetto.
    Quando entrano le ombre,
    lancio chicchi di melagrana,
    come fossero dadi di fuoco,
    sul tavolo di legno del mio tinello azzurro e bianco.
    I chicchi son rossi e bianchi e la melagrana ha
    1) una corona
    2) il profilo di iside
    3) il battito che suona le sette del pomeriggio.
    Quando entrano le ombre...
    - se solo sapessi quel che mi succede,
    se solo lo sapessi.
    Quando entrano le ombre e tu non ci sei - .
    Divoratrici di luce,
    divoratrici di giorni,
    di crostata e diurni.
    Quando arrivano,
    i vicoli della stanza si fanno vicoli di bettola
    e maleodore: escono gli ubriachi dai nidi
    e la polizia, stanati,
    li prende a bastonate,
    nei vicoli,
    nella stanza.
    Quando entrano le ombre,
    si gonfia la stanza di fumo nero
    e tutto si fa come di culla molle;
    le gatte spingono urla per poter partorire.
    - Quando entrano le ombre
    se solo sapessi quel che mi succede,
    se solo lo sapessi.
    Quando entrano le ombre
    e tu non ci sei,
    quando loro entrano
    e non ci sono più quasi neanch'io -.