username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Maria Rosa Cugudda

in archivio dal 05 gen 2012

Sardegna - Piemonte - Italia

mi descrivo così:
Sono una persona solare, amo l'arte in tutte le sue manifestazioni, ma in particolare la poesia e la pittura! Sono un'insegnante, ho pubblicato alcuni libri di poesie: "Il dolce calore della vita", "Inesplorato lago","Emozioni", "Spirito libero" 2011, e "Anima di corallo" 2015 casa editrice Kimerik.

14 novembre 2012 alle ore 21:29

Albero indifeso

Betulla era il tuo nome
notte e giorno a stendere le fronde
t’adoperavi.
L’ usignolo sul  flebile ramo
la  reggia costruiva
per non turbare la quiete tua.
Nella calura estiva
al ritmo del danzante vento
l’ombra spargevi.
Maestosità palesavi
mentre il bimbo gaudente
al sorriso esortavi.
Ora che resta
delle intarsiate fronde negli avviluppati rami?
Poco! L’uomo t’ha preso
una mattina di marzo
con ardore storpio t' ha reso.
Povera mia voce combattuto ha la guerra!
Dopo essersi annoiato
t’ ha lasciato.
E ora … la tua forza ammiro
pur nello strazio novella esistenza offri
a ciuffi di foglie dei mutilati ceppi.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento