username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Maria Rosa Cugudda

in archivio dal 05 gen 2012

Sardegna - Piemonte - Italia

mi descrivo così:
Sono una persona solare, amo l'arte in tutte le sue manifestazioni, ma in particolare la poesia e la pittura! Sono un'insegnante, ho pubblicato alcuni libri di poesie: "Il dolce calore della vita", "Inesplorato lago","Emozioni", "Spirito libero" 2011, e "Anima di corallo" 2015 casa editrice Kimerik.

20 gennaio 2012 alle ore 19:59

Lo splendore e il profumo

Negli anni teneri
la Grazia coltivò la Rosa
sostenendola per avviarla allo splendore.

Sempre nascosta nell’umiltà e nella luce
concordò con la rosa di lottare
gioire sacrificare amare
visitando terre straniere
donando l’appreso ai piccoli
e a chi nelle contrade buie incontrava

La rosa poco capì
dell’altruismo gratuito della grazia.

Accecata dalla luce
dalla corolla qualche petalo lasciò cadere.

Ora lei giace nell’oscurità
dall’alto però l’essenza assai splende
e il fiore prima profumato ora quasi appassito
si chiede come svoltare
per non essere bruciato.

  (La Grazia era mia sorella, ora in Cielo, la Rosa sono io)

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento