username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Mariacarmela Ribecco

in archivio dal 29 dic 2008

17 dicembre 1975, Ginosa (TA) - Italia

mi descrivo così:
Mariacarmela Ribecco is an Italian poet committed to human rights. She writes poems that tell stories related to countries like Iran, Afghanistan, Iraq, Somalia, Colombia, Yemen, Brazil, Cambodia, Ethiopia, Palestine and Chechnya.

28 ottobre 2009

Enfants sorciers

La notte cala in fretta a Kinshasa,
nel quartiere di Matete si accende l'ultimo spiraglio di luce
e si risveglia un'altra notte di paura.
Rannicchiato tra i cartoni di un mercato
non sei il solo, ma il racconto di un'altra piccola anima.
Un corpicino nascosto nell'ombra,
stringe, nelle mani gelide, un pezzetto di pane, di vita.
La calma pungente trattiene un singhiozzo... hai timore.
Non toccate il piccolo stregone,
non guardate gli occhi del male,
non parlate a chi annida la maledizione.
Il cielo si è schiuso negli sguardi intensi,
nell'infelicità, nell'ignoranza, nell'apparenza.
Fanno male, sono sempre lì,
non smettono di ricordare i mozziconi bruciati sulla pelle.
Il male respira e ferisce ancora,
spengono le piccole gioie... le piccole favole di André.
Poche ore ancora e il sole ti riscalderà
svezzerà le debolezze, le fragilità annidate nella forza di un innocente.
Ti allaccerai lo spago ai sandali,
i pantaloni saranno sempre più stretti e tu scapperai,
via dalla realtà, lontano dalla follia,
volerai oltre le pieghe di un dolore.
Le ombre nel buoi non faranno più paura,
nascoste nell'angolo di un muro, l'apatia
e il giocattolo frantumato di un frugoletto.
Resti solo un piccolo soffio di vita.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento