username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Mariacarmela Ribecco

in archivio dal 29 dic 2008

17 dicembre 1975, Ginosa (TA) - Italia

mi descrivo così:
Mariacarmela Ribecco is an Italian poet committed to human rights. She writes poems that tell stories related to countries like Iran, Afghanistan, Iraq, Somalia, Colombia, Yemen, Brazil, Cambodia, Ethiopia, Palestine and Chechnya.

14 marzo 2012 alle ore 0:33

Mi chiamo Taraneh

Rovente, matura, Tehran si risveglia assetata,
rabbiosa, riflessa nei miei passi del mattino.
La città ribelle ha frantumato il potere
ma non salva, non inveisce, non ferma la mattanza.
In gabbia lo spirito si innalza implorando coraggio
ma i giovani tremano, illuminati dalla ragione.
Le bolle di ossigeno raggiungono il cielo,
lo fanno frettolosamente, sfuggono al controllo
e svuotano polmoni colmi di speranza.
Trascinata negli abissi della violenza
mi dimeno, sto impazzendo, non respiro.
Mi chiamo Taraneh ... e sono già morta dentro.
Nelle ferite si è dissolta la gioia di una donna,
tra i respiri brutali resta esanime la vergogna,
le notti prive di quiete hanno avvelenato le farfalle
e tra le ceneri l'identità di una ragazza si spegne.
Mi chiamo Taraneh Mousavi ... e sono già polvere lontana.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento