username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Martina S.

in archivio dal 15 dic 2011

06 luglio 1989, Napoli

segni particolari:
"Ma come vorrei avere da guardare ancora tutto/come i libri da sfogliare/e avere ancora tutto, o quasi tutto, da provare" [F. Guccini]

mi descrivo così:
"Sicché, per buona parte della vita, avrei raccolto/dato nome, amorosamente messo in serbo.../neppure delle nuvole o delle bolle di sapone/- che per un poeta sarebbe già bello;/ma qualcosa di più inconsistente ancora:/delle effervescenze." [C. Sbarbaro]

16 dicembre 2011 alle ore 0:19

I miei occhi

Il mio amore per

te sa di rose. In

un lontano brumaio di

terrore sarebbe stato

in tutte le cose, ma la

rivoluzione è solo ricordo

delle arche, ora fiorite,

e sarebbe incivile

provarne malinconia.

O forse anche allora avrei

avuto nostalgia di un

passato chiamato moderno

e non è moderno neanche

il contingente, ai miei occhi

assetati di noia, di niente.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento