username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Massimo Dagrada

in archivio dal 05 dic 2012

26 luglio 1957, Santa Cristina e Bissone (PV)

mi descrivo così:
Tristallegro a minuti alterni, insonne perenne, grafomane notturno, pensatore diurno. Sognatore sempre.

06 dicembre 2012 alle ore 0:13

Mattino

Montagne sospese nel nulla
Cime innevate appese alle nuvole
brillano al sole d' autunno
Come parole ghiacciate d' indifferenza

Pendici invisibili agli occhi
nascoste da bruma leggera
all' avanzare del giorno
staranno piantate nei campi

Cosi' nella mente
saranno i ricordi piu' tristi
Quelle schiacciando case lontane
Questi premendo su anime sole

Solo al venire dell' alba
le cose ritornano a posto
Pendici nascoste da bruma
Ricordi annebbiati d' insonnia

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento