username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 16 nov 2010

Michele Verde

??/??/1950, Teramo
Mi descrivo così: Mi piace scrivere un po' di tutto: poesie, racconti e fare traduzioni di poeti francesi

elementi per pagina
  • 14 luglio 2011 alle ore 16:48
    Un trattore e ‘n somarello

    Se stava a pijà muto, poveretto
    su ‘na stradina bianca ‘n somarello
    la frusta che ‘n omone cor mantello
    je dava su la groppa dar cassetto.

    Sbuffanno dietro a lui sbucò ‘n trattore
    che s’accodò tranquillo fino a quanno
    sopravanzò er quadrupede ‘n affanno
    e a fianco je se mise lento a côre.

    «La vita che noi famo è dura assai.»
    diss’er trattore. «Bestie da fatica
    entrambi semo noi… la sorte amica
    de certo nun ciavemo, quanno mai!

    Rispetto a te però sto meno male
    perché me sarvo almeno le frustate.
    Ma, nonostante tutto, ‘ste giornate
    le passo proprio come ‘n animale!»

    «Accomunati da la stessa sorte
    a vive stâmo qui co’ le disgrazzie,
    nisuno trovi mai che dice grazzie
    e quanno ar dunque semo foje morte!

    Però finisce qui l’analoggia
    perché io bevo acqua e tu benzina
    così che gnente ‘n fonno ci avvicina,
    si puro insieme stâmo su ‘sta via…

    - concluse er somarell’a capo chino.
    «E poi ‘r finale nostro è ‘n po’ diverzo
    e a dà ‘na spiegazzione nun c’è verzo
    si maledetto contro ciai ‘r destino.

    Qualunque cosa sia tu, prima o poi,
    cor vestitino lucido e fiammante
    e ‘n ber motore ancora più brillante,
    sarai rivisto ‘n giro fra de noi,

    pe’ via de quer famoso riciclaggio,
    e ‘n vita tornerai anche più bella…
    un pezzo ‘nvece io de mortadella
    è ‘r massimo che ciò come miraggio.

    È solo ‘na questione de fortuna
    trovà qui ‘r posto giusto su ‘sta tera:
    de li sfigati porto la bandiera
    perché de vita ce n’ho solo una…

     
  • 16 novembre 2010
    Delusione di un clown

    Ho preso la matita e col cerone
    il viso ho pasticciato da pagliaccio,
    coscienza ho perso un dì di quel che faccio
    perché ricalco l’orma del buffone.

    Lo specchio guardo, ma non mi rifletto
    mentre i colori spalmo da pittore.
    La tela è un viso ed il pennello un cuore
    che intingo nella cipria e nel rossetto.

    La bocca grande, priva di sorriso,
    a dondolare sopra l’altalena
    mi porta con tristezza all’improvviso.

    Immensa è diventata la mia pena,
    la lacrima che scivola dal viso
    più amaro rende adesso il retroscena…

     
  • 16 novembre 2010
    La luce rossa

    «Di fronte a casa mia c’è ‘na finestra,
    che quanno giù dar cielo scenne er sole,
    s’accenne de ‘na luce fioca e rossa
    nimmanco io lo so da quante sere.

    Sur davanzale ‘n fiore de ginestra
    ce vedo spesso o ‘n mazzo de viole
    e trovo strano che quarcuno possa
    rubbà li fiori a cento primavere.

    É tanto tempo ormai che me domanno
    chi mette mano a tutti quelli fiori
    e s’annisconne dietro all’inferiata
    de quella casa tanto misteriosa:

    la madre de ‘n regazzo morto quanno
    ch’aveva pochi anni, li mijori?
    ‘Na povera vecchietta disperata
    che morte aspetta come sola cosa

    o ‘na regazza dorce, ‘nzuccherata,
    magara de costumi disinvorti,
    che l’omo aspetta invece pe’ denaro
    e quann’è sera co’ li fiori gioca?

    ‘Na vòrta vojo falla ‘na scappata
    là drento, ch’er diavolo me porti!
    Sarà ‘n destino dorce oppure amaro
    a dà la vita a quella luce fioca?»