username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Michele Verde

in archivio dal 16 nov 2010

??/??/1950, Teramo

mi descrivo così:
Mi piace scrivere un po' di tutto: poesie, racconti e fare traduzioni di poeti francesi

16 novembre 2010

La luce rossa

«Di fronte a casa mia c’è ‘na finestra,
che quanno giù dar cielo scenne er sole,
s’accenne de ‘na luce fioca e rossa
nimmanco io lo so da quante sere.

Sur davanzale ‘n fiore de ginestra
ce vedo spesso o ‘n mazzo de viole
e trovo strano che quarcuno possa
rubbà li fiori a cento primavere.

É tanto tempo ormai che me domanno
chi mette mano a tutti quelli fiori
e s’annisconne dietro all’inferiata
de quella casa tanto misteriosa:

la madre de ‘n regazzo morto quanno
ch’aveva pochi anni, li mijori?
‘Na povera vecchietta disperata
che morte aspetta come sola cosa

o ‘na regazza dorce, ‘nzuccherata,
magara de costumi disinvorti,
che l’omo aspetta invece pe’ denaro
e quann’è sera co’ li fiori gioca?

‘Na vòrta vojo falla ‘na scappata
là drento, ch’er diavolo me porti!
Sarà ‘n destino dorce oppure amaro
a dà la vita a quella luce fioca?»

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento