username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 13 ott 2008

Mirka Naldi

06 aprile 1977, Castel San Pietro Terme (BO)
Mi descrivo così: Vorrei vivere di sogni e campare di speranza.
Mi trovi anche su:

elementi per pagina
  • 27 gennaio 2010
    Urlo di speranza

    Provare a gridare
    senza aver nessuno
    disposto ad ascoltare.

    È in questo
    assordante silenzio che
    mando giù bocconi amari e
    respingo lacrime salate.

    Ripercorro il passato,
    analizzo il presente,
    ripongo le mie speranze
    nel futuro.

    In un futuro
    non migliore di adesso,
    né peggiore,
    semplicemente
    un futuro con te.

     
  • 27 gennaio 2010
    Chiuso in un cassetto

    L'illusione di riuscire
    a distrarti dai tuoi pensieri
    invece tu li tenevi sempre più stretti,
    come se avessi paura a lasciarli andare
    nella convinzione che un domani
    sarebbero tornati ad esser realtà.

    Mentre ti sentivo scivolare via
    ho fatto di tutto per trattenerti,
    ma più tiravo verso di me,
    più ti allontanavi.
    Poi è arrivato il giorno in cui
    ho dovuto aprire gli occhi
    e capire che era solo un sogno.

    Era solo uno di quei tanti sogni
    da chiudere nel cassetto
    con la consapevolezza che
    non si avvereranno mai.

    Uno di quei tanti sogni
    da chiudere nel cassetto
    con l'illusione che sarà lì
    non solo in quel momento sbagliato,
    ma finchè il suo ricordo
    sarà dentro di noi.

     
  • 13 ottobre 2008
    A te

    A te
    che hai piantato i germogli nel mio cuore,
    a te
    che cresci ogni giorno di più,
    sei la pianta più bella
    di quel giardino chiamato vita.
    La mia vita.

     
  • 13 ottobre 2008
    Una fiamma nel buio

    ... E all'improvviso trovarsi una presenza costante nella propria vita,
    quando meno ce lo aspettiamo...

     

    Quando tutto intorno ci sembrava spento ecco arrivare quella fiamma,
    come quella di una candela,
    che da piccola piccola si fa sempre più grossa.

     

    Che non si spegne al primo soffio di vento.
    Che rimane accesa nonostante tutto.
    Una di quelle candele che vorresti non si consumassero mai.
    Una candela fatta non di cera, ma di vita.

     

    La cera si scioglie, la vita no.

    Questo tu sei per me.

     

    La fiamma di una candela che vorrei non si spegnesse più.

     
  • 13 ottobre 2008
    Oceano

    Sto guardando l’immensità di questo mare
    che si agita in una psichedelica danza.
    Corrono come destrieri alati i miei pensieri
    in mezzo a queste onde guerriere.
    Dolce solitudine proponimi il tuo nome
    e lasciami gridare forte il suo nome.

     
  • 13 ottobre 2008
    Naufragio

    Ci siamo imbattuti in un’enorme tempesta…
    Teniamoci saldi a questi pochi relitti,
    non lasciare mai la mia mano,
    tutto finirà presto.
    La burrasca è la nostra paura,
    noi la temiamo, noi la odiamo,
    ma solo passando da qui arriveremo
    all’isola felice…

     
  • 13 ottobre 2008
    Luna

    Questa notte ho chiesto
    alla luna di farti tornare.
    Mi ha risposto che
    non si può far tornare
    qualcuno che non è mai partito.

    Ti cerco nel mio cuore
    e ti trovo ancora lì,
    dove ti sei seduto
    il primo giorno che
    ti ho incontrato.

    Quando i nostri sguardi
    si sono incrociati,
    quando le nostre labbra
    si sono sfiorate.

     
  • 13 ottobre 2008
    Arcobaleno

    Rossa è la passione di un bacio tra due innamorati,
    Arancione il sole che sorge ogni mattino nell’anima.

    Gialla la gelosia verso i nostri affetti,
    Verde il prato sul quale mi sdraierei ogni giorno con te.

    Azzurro come il cielo al quale affido i miei sogni,
    Indaco come la notte alla quale sussurro i miei desideri,

    Viola è il tormento dentro di me quando tu non ci sei.

    Dopo tanta tempesta l’arcobaleno,
    lo guardo, lo osservo, lo ammiro.

    Può durare ore o scomparire all’istante,
    il suo spettacolo rimarrà sempre dentro di me.
    Non ci sarà pioggia che riuscirà a spazzarmelo via.

    L’arcobaleno si inarca sul mio cuore.

     
elementi per pagina