username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Moreno Tonioni

in archivio dal 26 apr 2010

28 settembre 1959, Bologna

segni particolari:
"L'italiano, tra non molto, sarà la più bella tra le lingue morte e il linguaggio  di un tempo diverrà a breve un oggetto estetico a rapido esaurimento nell'approccio col reale".
Roberto Vecchioni

mi descrivo così:
"Viviamo d'un fremito d'aria, d'un filo di luce, dei più vaghi e fuggevoli moti del tempo, di albe furtive, di amori nascenti, di sguardi inattesi. E per esprimere quel che sentiamo c'è una parola sola: disperazione".
Vincenzo Cardarelli

02 novembre 2010

Moreno Tonioni dixit:

Non amo recarmi ai funerali, li trovo terribilmente noiosi. Non godo nell’altrui sofferenza, patisco il disagio nell’elargire gratuite parole di conforto. Nei casi in cui non mi sia possibile sottrarmi dal partecipare, attendo paziente il passaggio del carro e dei parenti, unendomi al corteo nella parte finale. E’ incredibile la quantità d’informazioni e pettegolezzi che viene scambiata in quel settore. Non amo il pettegolezzo ma certo non mi annoio.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento