username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Noemi Gastaldi

in archivio dal 15 giu 2010

Torino

15 giugno 2010

22 fiori gialli

di Noemi Gastaldi

editore: Eroscultura.com

pagine: 171

prezzo: 3,99 €

Acquista `22 fiori gialli`!Acquista!

“Ci sono delle persone speciali, che hanno il potere di ridare colore e passione alla vita, persone che sono diverse da tutte le altre e riescono a riaccendere l’entusiasmo che con il passare degli anni si era inconsapevolmente perso. Noemi è una di queste persone.”
“Ventidue fiori gialli” è tratto da una storia vera, legata a un atto di violenza sessuale subìto da una bambina. Un atto che segna innegabilmente la sua vita, il suo futuro e il suo modo di concepire il sesso.
Tiziano è un disoccupato per scelta, appassionato di cartomanzia. Noemi è la bambina violentata da un ragazzo più grande in una sera d’estate. Due destini che si incrociano sulla via della vita. Due solitudini che hanno bisogno di sentire che al mondo, c’è qualcuno che si prenda cura di loro a prescindere dalle loro personalità, dai loro sentimenti, dalla loro voglia di evadere da qualche incubo.
Questa storia è la prova di come l’amore incondizionato verso un’altra persona, può farti davvero male, ma può anche tirare l’altra persona fuori da un tunnel senza luce. Tiziano Aromatico, decide di raccontare la storia di Noemi (che poi è anche la sua storia); così alla parte narrata si affiancano pagine del diario della ragazza. Una ragazza dal passato vissuto in una notte sudicia, che riesce, grazie alla sua volontà e all’aiuto di Tiziano a rivedere le stelle, riabbracciando una vita che aveva preso a schiaffi.
Quella di Noemi è la storia di tante altre ragazzine che hanno passato lo stesso inferno. Leggere questo romanzo aiuta ad aprire gli occhi, a tratti strizza il cuore, spesso fa rabbia. In queste pagine c’è tutto questo: violenza, dolcezza, rabbia, amore, solitudine, solidarietà, castigo, speranza.
C’è vita vissuta: una vita puttana che torna a casa per sempre, e abbandona quel lurido marciapiede.

recensione di Paolo Coiro

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento