username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Orhan Pamuk

in archivio dal 15 giu 2011

07 giugno 1952, Istanbul - Turchia

segni particolari:
Il 12 ottobre 2006 mi hanno assegnato il Premio Nobel per la Letteratura, diventando così il primo turco a ricevere il prestigioso riconoscimento.

mi descrivo così:
Sono autore di romanzi che spaziano tra il fiabesco e il reale, tutti ambientati nella mia patria, la Turchia.

15 giugno 2011 alle ore 16:26

Neve

di Orhan Pamuk

editore: Einaudi

pagine: 468

prezzo: 11,90 €

Acquista `Neve`!Acquista!

La Turchia come confine, area cuscinetto e terreno di confronto fra Islam e laicità: al di là dei luoghi comuni, il dissidio fra Oriente e Occidente scaturisce con forza dalle righe di Pamuk.

Neve è un lungo racconto dal sapore surreale, incantato nello spazio temporale di una nevicata che ha tagliato fuori dal mondo Kars, città di confine fisico e al contempo metaforico. A Kars si consuma un colpo di stato teatrale, che ha lo scopo di impedire la vittoria degli integralisti alle elezioni comunali: un’imposizione della libertà, si potrebbe definire, in un paese dove i passanti possono rivelarsi poliziotti in borghese o appartenenti ai servizi segreti.

Integralisti, nazionalisti curdi, comunisti, polizia segreta, poeti islamici e poeti amici dell’Occidente, attori-politici e politici appartenenti al Partito Islamico: in questo complicato scenario la laicità sembra una lezione estranea, mentre per le ragazze di Kars, che si battono per il velo, libertà non è scoprire il capo ma poterlo coprire.

Nessuno può capirci da lontano – dice uno dei personaggi, al termine del libro. Ed è esattamente questo il senso che Neve trasmette: la necessità di avvicinare il punto di vista, di abbandonare le categorie dell'Occidente se si vuole comprendere l'Oriente. E forse neppure alla fine puoi adottare categorie diverse, se vieni da un altro mondo. Come un turco non può essere occidentale: questo gli abitanti di Kars insegnano e ricordano a Ka, il protagonista di Neve.

recensione di Alessandra Gorlero

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento