username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 03 feb 2001

Oscar Wilde

16 ottobre 1854, Dublino - Irlanda
30 novembre 1900, Parigi - Francia
Segni particolari: Poco prima di morire ho vissuto a Parigi sotto falso nome: Sebastian Melmoth.
Mi descrivo così: Un esteta, di sicuro il maggior rappresentante del decadentismo inglese.
Mi trovi anche su:

elementi per pagina
elementi per pagina
  • 04 aprile 2006
    Ahimè!

    Vagare alla deriva dietro ogni passione finché l'anima mia
    Sia un liuto accordato su cui tutti i venti possano suonare;
    Per questo dunque ho abbandonato
    La mia antica saggezza e il mio controllo austero?
    La mia vita mi sembra un palinsesto
    Su cui durante un ozio di ragazzi
    Siano state vergate futili canzoni per zampogna e virelai,
    Buone solo a sciupare il segreto del testo.
    Certo vi fu un tempo in cui avrei potuto percorrere
    Le sommità assolate, e dalla dissonanza della vita
    Trarre un limpido accordo, onde raggiungere le orecchie di Dio:
    Quel tempo è morto? Ah! Con una bacchettina
    Sfiorai appena il miele dell'avventura...
    E debbo perdere il retaggio di un'anima?

     
  • Giunsi alle Alpi: l'anima mia ardeva,
    Italia, mia Italia, al tuo nome:
    E quando uscii dal cuore della montagna
    E vidi la terra agognata della mia vita,
    Risi come chi ha conquistato un gran trofeo;
    E meditando la tua stupenda fama
    Scrutai il giorno, finché segnato di ferite di fiamma
    Il cielo turchese divenne oro brunito.
    Ondeggiarono i pini come la chioma di una donna,
    E nei frutteti ogni frasca intrecciata
    In scaglie di sbocciante spuma si sfaldò;
    Ma quando seppi che lontano, a Roma,
    In vincoli obbrobriosi un secondo Pietro languiva,
    Piansi davanti al paese tanto bello.

     
  • 04 aprile 2006
    Urbs Sacra Aeterna

    ROMA! Qual registro di Storia è stato il tuo;
    Nei primi giorni la tua spada repubblicana
    Regolò tutto il mondo per la vita di molte generazioni;
    Poi dei popoli fosti coronata regina,
    Finché nelle tue vie non comparve il barbuto Goto;
    E ora sulle tue mura i venti agitano
    (Ah, città coronata da Dio, scoronata dall'uomo!)
    L'odiato vessillo di rosso e bianco e verde.
    Quando fu la tua gloria? Quando in cerca di potere
    Le tue aquile volavano a rendere omaggio al doppio sole,
    E tutti i popoli tremavano davanti alla tua verga?
    Ah, ma la tua gloria attendeva quest'ora,
    In cui i pellegrini s'inginocchiano davanti al Santo,
    Al prigioniero pastore della Chiesa di Dio.

     
  • Il cielo è guarnito di pizzi di spasmodico rosso,
    Fuggono le volteggianti nebbie e ombre,
    L'alba si leva dal mare
    Come una bianca dama dal suo letto.

    E dentellate bronzee frecce cadono
    Attraverso le piume della notte,
    E una lunga onda di luce gialla
    Silente si rompe su torre e sala,

    E allargandosi ampia nel mondo
    Desta alla fuga qualche svolazzante uccello,
    E tutte le cime dei castagni sono mosse,
    E tutti i rami striati d'oro.

     

     
  • 04 aprile 2006
    Apologia

    E' tua volontà ch'io debba turbarmi e impallidire,
    Barattare il mio panno d'oro per un rustico grigio,
    E a piacer tuo tessere quella rete di dolore
    A ogni filo più lucente corrisponde un giorno sprecato?

    E' tua volontà - Amore che amo così tanto -
    Che la Dimora dell'Anima mia sia un luogo tormentato
    Dove come drudi malvagi debbano dimorare
    La fiamma mai estinta, il verme che non muore?

    Si, se è la tua volontà, lo sopporterò,
    E venderò l'ambizione al mercato comune,
    E lascerò che il cupo fallimento sia il mio vestito,
    E che il dolore si scavi la tomba nel mio cuore.

    Sarà meglio così, forse, - almeno
    Non ho fatto del mio cuore un cuore di pietra,
    Non ho privato la mia adolescenza del suo ampio banchetto,
    Non ho viaggiato dove la Bellezza è una cosa sconosciuta.

    Molti han fatto così; hanno tentato di limitare
    In rigidi confini l'anima che dovrebb'essere libera,
    Hanno percorso la strada polverosa del senno comune,
    Mentre tutta la foresta cantava di libertà,

    Senza vedere come il maculato falco in volo
    Passava su ampie ali nel sommo dell'aria,
    Diretto ove una ripida inviolata altura montana
    Catturava le ultime trecce della chioma del Dio Sole.

    O come il fiorellino è calpestato:
    La primula, quello scudo d'oro piumato di bianco,
    Seguiva con occhi assorti il vagare del sole,
    Contenta se una volta le sue foglie ne erano aureolate.

    Ma certo è qualcosa essere stato
    Il più amato per un breve tratto,
    Aver camminato mano in mano all'Amore, e avere visto
    Le sue ali purpuree volteggiare una volta nel tuo sorriso.

    Ah! Anche se il satollo aspide della passione si ciba
    Del mio cuore di ragazzo, pure ho sfondato le sbarre,
    Sono stato faccia a faccia con la Bellezza, ho conosciuto davvero
    L'Amore che muove il Sole e le altre stelle!

     
  • 04 aprile 2006
    Taedium Vitae

    Trafiggere la mia giovinezza con pugnali disperati, portare
    La chiassosa livrea di questa età meschina,
    Lasciare che ogni mano vile saccheggi il mio tesoro,
    Immischiare la mia anima ai capelli di una donna,
    E non essere che il lacchè della fortuna, - lo giuro,
    Io non lo amo! Queste cose sono meno per me,
    Meno della lanuggine di cardi sull'aria estiva
    Che non ha seme: meglio stare in disparte
    Lontano da questi calunniosi sciocchi che beffano la mia vita
    Senza conoscermi, meglio il tetto più vile
    Adatto a ospitare il più umile veltro,
    Che tornare a quella rauca grotta di conflitti
    Dove la mia bianca anima per la prima volta baciò la bocca del peccato

     
  • 04 aprile 2006
    La casa della sgualdrina

    Cogliemmo il suono di piedi danzanti,
    Ci avviammo lungo la strada illuminata dalla luna,
    E ci fermammo sotto la casa della sgualdrina.

    Dentro, sopra il baccano e il fracasso,
    Sentimmo forte il musico suonare
    Il "treues Liebes Herz" di Strauss.

    Come strani meccanici grotteschi
    Tracciando fantastici arabeschi
    Le ombre correvano sulla cortina.

    Guardammo i fantasmagorici ballerini vorticare
    Al suono di corno e di violino
    Come foglie nere turbinanti al vento.

    Come automi tirati dai fili,
    Snelli scheletri in silhouette
    Andavano di sghembo nella lente quadriglia,

    Si prendevano ciascuno per la mano
    E danzavano una solenne sarabanda;
    Il loro riso echeggiava sottile e stridulo.

    A volte un fantoccio meccanico si premeva
    Un fantoccio innamorato al seno,
    A volte sembrava che provassero a cantare.

    A volte un'orribile marionetta
    Usciva, e fumava la sua sigaretta
    Sui gradini come cosa viva.

    Allora, voltandomi al mio amore, dissi:
    "i morti ballano con i morti,
    La polvere rotea con la polvere".

    Ma lei - lei udì il violino,
    E si scostò da me, ed entrò in casa;
    Amore entrò nella casa del piacere.

    Allora di colpo la melodia si incrinò,
    I ballerini si stancarono del valzer,
    Le ombre smisero di roteare e turbinare.

    E giù per la strada lunga e muta
    L'alba, con piedi calzati d'argento,
    Strisciò come fanciulla intimorita.

     
  • 04 aprile 2006
    Pasqua

    Le trombe argentee squillarono nella Cupola:
    La gente cadde in ginocchio a terra, emozionata:
    E recato sul collo degli uomini io vidi,
    Come un gran Dio, il Santo Signore di Roma.
    Sacerdotale, egli portava una veste più bianca della spuma,
    E, regale, si paludava in rosso maestoso,
    Tre corone d'oro gli si levavano alte sul capo:
    In splendore e in luce il Papa passò.
    Furtivamente il mio cuore ripercorse ampi deserti d'anni
    Fino a Uno che vagò presso un mare solitario,
    Ed invano cercò un luogo di riposo:
    "le volpi han tane, e ogni uccello ha il nido.
    Io, solo, io debbo vagare stanco,
    Piagarmi i piedi, e bere vino e sale di lacrime".

     
  • 04 aprile 2006
    Glykipikros Eros

    Amore, non t'incolpo, poiché la colpa fu mia, non fossi stato di creta comune,
    Avrei scalato le altezzesomme, inviolate tuttora, visto l'aria più piena, il giorno più ampio.

    Dalla ferocia della mia passione sprecata avrei tratto un canto migliore, più limpido,
    Acceso una luce più luminosa di più libera libertà, combattuto ingiustizie dalla testa d'Idra.

    Se le mie labbra avessero avuto il dono della musica dai baci pungenti che le fecero sanguinare,
    Tu avresti camminato con Beatrice e gli angeli su quel prato verde e smalto.

    Avrei percorso la strada sulla quale Dante vide rifulgere i soli di sette cerchi,
    Si! forse avrei visto aprirsi i cieli, come si aprirono al Fiorentino.

    E le potenti nazioni avrebbero incoronato me, che ora sono senza corona e senza nome,
    E un'alba d'oriente mi avrebbe trovato genuflesso sulla soglia della Casa della Fama.

    Mi ero seduto in quel circolo marmoreo dove il bardo più vecchio è come il giovane
    E la zampogna versa eternamente miele, e le corde della lira sono tese in eterno.

    Keats avrebbe sollevato le sue chiome imenee dal vino di semi di papavero,
    VCon bocca di ambrosia mi avrebbe baciato in fornte, la mia mano avrebbe serrato con la mano
    [del nobile amore.

    E a primavera, quando i germogli del melo sfiorano il seno lucido della colomba,
    Due giovani amanti distesi in un frutteto avrebbero letto la storia del nostro amore.

    Avrebbero letto la leggenda della mia passione, conosciuto l'amaro segreto del mio cuore,
    Si sarebbero baciati come ci siamo baciati noi, ma non separati come ora è destino che ci separiamo.

    Poiché il fiore cremisi della nostra vita è divorato dal verme della verità
    E nessuna mano può raccogliere i petali caduti e secchi della rosa della giovinezza.

    Pure non rimpiango di averti amato - ah! che altro avrei dovuto fare io, un ragazzo -
    Poiché i famelici denti del tempo sbranano, e gli anni dai piedi silenziosi inseguono.

    Senza timone, andiamo alla deriva nella tempesta, e una volta passato il fortunale della gioventù,
    Senza lira, senza liuto o coro, la Morte, pilota silenzioso, finalmente viene.

    E nella tomba non c'è piacere, poiché la cecilia si pasce della radice,
    E il desiderio diventa rabbrividendo cenere, e l'albero della passione non dà frutti.

    Ah! Cos'altro avrei dovuto fare se non amarti, la madre stessa di Dio mi era meno cara,
    E meno cara la Citerea che si levava come un giglio d'argento dal mare.

    Ho fatto la mia scelta, ho vissuto i miei carmi, e anche se la gioventù è sparita in sogni sprecati,
    Ho trovato la corona di mirto dell'amante migliore di quella d'alloro del poeta.

     
  • 04 aprile 2006
    Impression du matin

    Il notturno del fiume azzurro e oro
    Si tramutò in armonia di grigio;
    Un barcone di fieno color ocra
    Si staccò dalla riva: fredda e muta

    La nebbia gialla dilagò strisciando
    Dai ponti, sin che i muri delle case
    Parvero divenire ombre, e San Paolo
    Enorme bolla sopra la città.

    Poi si levò d'un sùbito il frastuono
    Della vita al risveglio; il rotolio
    Dei carri agresti; e un uccello canoro
    Si posò sopra i tetti scintillanti.

    Ma una pallida donna tutta sola,
    Baciando il giorno i suoi capelli scialbi,
    Vagava sotto il lume dei lampioni.
    Labbra di fianuna e il cuore fatto pietra.

     
  • 04 aprile 2006
    Requiescat

    Fate piano, ella è qui presso
    Sotto la neve,
    Parlate sommesso, ella ode persino
    Crescere le margheritine.

    Tutti i suoi vividi capelli d'oro
    Offuscati di ruggine,
    Lei, così giovane e bella,
    Caduta in polvere.

    Liliale, bianca come neve,
    Quasi ignorava
    D'essere donna, tanto
    Dolcemente era cresciuta.

    Asse di bara, pietra tombale
    Gravano,sopra il suo petto;
    lo, desolato, tormento il mio cuore,
    Ella riposa.

    Basta, ora, basta; non può ella udire
    Lira o canzone;
    L'intera mia vita è sepolta qui.
    Ammucchiate terra sopra di essa.

     
elementi per pagina