username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Paola D'Angelo

in archivio dal 27 mar 2013

Napoli - Italia

27 marzo 2013 alle ore 15:32

Le città perdute

Quante sono le città perdute,
le oniriche città
amate,
che recluse
ostinatamente vivono
intrappolate
nelle estreme regioni
del cuore degli uomini?

La mia città ha le porte
spalancate
a lasciarsi accarezzare
dal sole,
e noi ragazzi giù nelle discese
a correre tutte le risate,
a bruciare i respiri nella gola
quando le bici volano
tra gli alberi e il mare.

Non c’è fretta nella mia città,
la gente va da qualche parte,
da qualche parte ama,
lavora, ride o muore,
senza fretta.

Ruvida la corteccia
di un albero
accolse le mie membra
sciolte da un lentissimo
bacio.
Guardare l’orologio
e correre felici,
domani stesso posto,
oggi viviamo il bacio.

Torno senza tristezza
nella mia città,
nella mia remota,
onirica città,
torno spesso senza fretta,
con gratitudine:
la nostalgia passa puntuale.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento