username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Paolo Puglia

in archivio dal 16 nov 2006

05 giugno 1986, Scafati

segni particolari:
Cipiglio da apprendista storico. Barba bicolor.

mi descrivo così:
Condannato alla ricerca continua di qualcosa, ma sicuro nel trovare in fine tutto.

22 novembre 2006

Estate 2006

Scrivo di un Ricordo,

mai d'un presente.

L'ingegno m'è sordo

quand'è piena la mente.


Un'unica fantasia

mi nutriva ad agosto:

che sulla bocca mia,

da labbra di mosto,

cadessero mille baci

e ancor più di mille,

caldi come braci

e vivi come faville.


-Non da una qualunque

voglio provar la lingua;

di lei la cerco, dunque,

perché il mio foco s'estingua!-

Questo, ardente, pensavo

ne' miei risvegli estivi,

signore e non schiavo

di desideri tanto lascivi.


Ma alla sera, con lei solo,

cadeva ogni certezza,

l'anima prendeva il volo

a contemplar la sua bellezza.

E così ero timido e discreto,

poiché ella più di me stesso

rispettavo senza alcun veto,

o altro interesse connesso.


Ecco, perciò, il mio Ricordo

di questa splendida estate:

con la memoria mi accordo

per le sue labbra baciate.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento