username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 21 dic 2012

Parigyan Acciaio

24 dicembre 1974, Pescia (PT) - Italia
Mi descrivo così: Affascinato dal silenzio della natura...
Mi trovi anche su:

elementi per pagina
  • 21 dicembre 2012 alle ore 11:45
    la danza della vita

    Come comincia: cosi nel bel mezzo di una strada percorsa da 37 anni , arriva il momento di cambiare, ma ormai nudo di ogni condizionamento e passione mi ritrovo qua senza piacere, e senza saper dove guardare per vedere la luce, ma non mi voglio addormentare, voglio rimanere sveglio ed aspettare che la notte passi, per vedere l' alba appropriarsi di me e donarmi un nuovo colore e con gli occhi aperti farò entrare quel dipinto che nasce da un nuovo mattino e mi rialzerò lucente e limpido per un nuovo cammino, passerò tra le mie emozioni e godendo di loro aprirò le braccia  ad una nuova vità chiamata piacere, cosi senza che nienta accadda , cosi senza cercare , cosi senza volere, nasce dentro di me un fiore di luce che illumina ciò che deve essere..cosi da diventare leggero, silenzioso e sorridente hai profumi e colori che madre natura ci regala ogni attimo che noi presi da altre cose non riusciamo a vedere, ma madre natura è qui ed ora , è sveglia e festosa pronta a farci danzare con il canto degli uccelli e ha donarci una scenografia di colori entusiasmanti ...ognuno di noi ha questa caratteristica di poter vivere gioiosi e festanti su questa terra ma ancora non siamo liberi di poterlo fare perchè la nostra mente ormai sporca da immondizia ci porta sempre a vedere quella discarica da noi creata e quindi non conosciamo l' altra parte festante di noi stessi, ci vuole coraggio per fermarsi ed aprire gli occhi , ci vuole coraggio a fare un piccolo passo anche se sappiamo ormai correre, ma un piccolo passo fatto con consapevolezza porta alla festosità della vita, il nostro più grande dono lo sprechiamo buttando spazzatura nella nostra discarica mente e ci sotterriamo noi stessi...