username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Patrizia Solazzi

in archivio dal 20 set 2007

30 maggio 1955, Milano

mi descrivo così:
Sono una scultrice, scrivo per dare lentezza alla polvere che troppo rapida passa tra le mia dita.

10 novembre 2008

Ombre

Notte senz'alba
solo un tiepido vento
ricorda viali solitari
se di foglie nemmeno la sorte
nè il luccicare ombroso
sotto un passato sorriso di luce.
Notte senza colore
nè bianco e nero
nè sollievo alcuno.
Tendi solo l'orecchio
al passaggio dei sussurri
lacrime di sensi
gocce di palude
fruscìo di felci.
Copriti di capelli
e lascia che si muovano.
Scopriti di notte
e lascia che l'ombra  ti muova.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento