username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • La poesia contiene la parola
  • Nome autore

Poesie

“Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch'io chiamo poesia”
Edoardo Sanguineti


Le poesie dei nostri autori sono tutte raccolte qui.
Se vuoi inserire le tue poesie in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • 31 ottobre 2011 alle ore 17:59
    Aprile

    Mescolo il latte con il caffè, la finestra
    aperta di luce. Quest’aria
    sa di giugno, mi confondo
    nella camiciola leggera.

    Avevo pensieri, progetti altri.
    Schegge, non diverse dai resti di petali e foglie
    che il vento ha soffiato attraverso
    le finestre di ieri.

    Le raccolgo sul palmo,
    secche e schiacciate da non valere più nulla.
    Devo riavvolgere il nastro, fermarlo
    con un nodo e tornare sui passi di prima,

    una scarpa rossa e una beige
    che mi calzano estranee. Tornare
    alle occupazioni di sempre, colmare
    distanze dilatate da mancate aspettative.

    Indietro come un gambero: correre e danzare.
    Il bilanciere sbanda, fra un effimero
    punto invalidato e usati precedenti
    che non so riguadagnare.

    Confondersi così che poi arriva questo
    giugno improvviso a scompaginar le carte:
    strappo le pagine del calendario, lascio
    che giorni inutili volino verso un cielo incongruo.

    Sarà solo il tempo di una estate irreale,
    dove è impossibile afferrare un centro.
    Indosserò ancora la mia giacca
    primaverile quando tornerà la pioggia.

  • 31 ottobre 2011 alle ore 16:12
    Mercoledì delle Ceneri

    Ti ho amato come amano le falene
    l'ultimo guado di buio sul letto
    straripante del mattino.
    Con la fame che hanno le pupe
    forzando il bozzolo.
    Ti ho cercato come raspando il cielo
    da una tomba, quando  finisce alla terra
    il volo ed ancora ride nelle ossa un solletico di ali.

  • 31 ottobre 2011 alle ore 15:37
    Profeta

    La tua notte è turrita di spine,
    un ariete che assale il giorno in guardia sulla merlatura gobba dei monti.
    La tua notte latra, io cononsco il bianco guaito dei campi
    inseminati dalla rauca bava del mattino,l'albume dell'alba,
    mondina affaccendata a spazzar via le stelle.
    Ma tu mi hai insegnato come viene via il candore dal nero,
    che il sole si sveglia da una vasca di buio.

  • 30 ottobre 2011 alle ore 23:40
    Il calore nelle vene

    Ascolto con cura
    questi tuoi silenzi
    che riempiono gli spazi
    di questa buia notte,
    e vivo l'istante
    che prepotente
    s'insinua dentro di me,
    come siero diretto in vena
    entra la felicità
    dentro il mio spirito.
    Sento il freddo avanzare
    tra le mie nude vene
    offerte alla tua mano,
    ed improvvisamente
    è calore, è spirito,
    è genuina sostanza.
    Mi lascio cadere
    in questo bianco
    vortice d'estasi,
    che tra le tue mani
    s'è creato per accogliere
    questo corpo irrequieto,
    quest'anima mai doma
    che ha trovato la pace,
    il giusto equilibrio
    tra amore e follia,
    liquido che scorre
    dentro di me in ogni istante,
    purché ci sia tu accanto a me.

  • Manco bonnì dicette a Ser Limone
    ca fuje l’ammore d’‘e pazzielle meje:
    nennella pure 'a notte 'o sonnaje,
    mo nun me fa manco cumpassione.
    Pecché i’ auti frutte aggio magnato,
    doce n'ora, e mo’ amare assaje,
    tanto ca ‘e tutte ‘e ccose me scurdaje
    e dint’ ‘e vvene ‘o sango è ‘ntussecato.

    Negra mene! Jastemmarria ‘o juorno
    ca ‘e vierze vuoste sentette cantà,
    e ‘o core mio chesto nun ‘o ppo’ ffà,
    lle pare ‘e jastemmà ‘o Pataterno.
    Pe’ vuje primmo ‘e subbeto sciurette,
    e pure sape ca nun ve po’ guardà:
    ‘a sdamma cchiù bbella, Donna Puvertà,
    dint’a ‘o lietto ‘e sposa ve stregnette.

    Nun penzate malamente, pe’ pietà!
    Cheste nun so’ parole ‘e gelusia:
    chella ca chiammate Segnora mia,
    sola dint’ a ‘o munno ve po’ mmeretà.
    Si nun tenevate nisciuna ‘a servì,
    pure si fuste annanz’ ‘a mana mia,
    v’’o ggiuro, Ser Guittò, accussì sia,
    primma ‘e ve tuccà priarría ‘e murì.

    Tanto cchiù auto vuje site a me
    ca l’agguila, ca vede ‘o sole ‘nfaccia;
    e i’ songo ‘a maruzza ca d’ ‘e vvrecce
    ve guarda, e ‘o sole lle pare ‘e vedè.
    E ‘sto core me dice: “Statte accorta!
    Tiene mente a chella ca, i’ ‘o ssaccio,
    pe’ fforza vulette vedè ‘a faccia
    ‘e Giove, e d’‘a luce cadette morta!”

    Ah, si sta terra ve chiammasse Santo!
    Ve putarría prià a tutte ll’ore,
    e si ve desse int’‘e mmane stu core,
    ‘e ve nchiaccà nun tenarría schianto.
    Ma ‘a Segnora vosta accussì non vo’:
    essa vo’ c’ aggia murì ‘e dulore
    pecché cu’‘o sacrificio mio d’ammore
    ve vulisse fa’ cchiù bbello ancora ‘e mo’.

    E tanno, ammènne, dico pur’io:
    l’ammore mio dint’‘o core ‘nzerro,
    e chesta croce, ca a me m’ atterra,
    a vuje adda purtà ‘nzino a Ddio.
    Nun ve cerco niente, manco ‘e ve parlà,
    pure si co’ st’arma haggia fa’ ‘a guerra:
    sempe ve po’ cadè nu grano ‘nterra,
    autro nun addimanno ca d’‘o piglià.

    ‘O nomme nun l’aggiate maje sapé
    ‘e chesta Amalfitana puverella
    ca mo’ ve canta sti quatto verzulle
    e ‘nziemme a ‘e ‘llareme nun s’’e po’ tenè.
    I’ a Donna Puvertà ‘e metto ‘nzino:
    essa adda ricamà ‘na vesta bbella
    ca cchiù lucente v’adda fa’ d’ ‘a stella
    ca purtaje ‘e Magge ‘a Ggiesù Bbambino.

  • 30 ottobre 2011 alle ore 16:23
    Inutile

    E quando verrai via da me,
    come sono venute via di spalle tutte le stagioni
    del secco disinganno, io ti sfilerò dalla dolce,
    ottusa confluenza delle mie carni,
    impazienti di concedersi voracemente in pasto
    al giogo che credevo ala.
    Urlerò solo un istante, quello in cui ti sentirò
    passare di qui un'ultima volta per disabitarmi.

  • 29 ottobre 2011 alle ore 15:11
    Mondi paralleli

    Esiste un mondo
    dove le cose
    non sono come sembrano,
    dove il bianco è nero
    ed il nero è bianco
    ed il dolce è salato
    e viceversa,
    dove i sogni fanno parte della realtà
    e dove la realtà si confonde con l'immaginario.
    A volte i due mondi si avvicinano così tanto
    che le due orbite si sorridono,
    le ellissi si sfiorano,
    e qualcosa dell'uno passa nell'altro,
    almeno per un po'.
    Eppure è bello che ciò accada
    e che, ogni tanto,
    si possano respirare
    sensazioni uniche e nuove.

  • 29 ottobre 2011 alle ore 13:13
    Dimostrazione

    E' freddo questo calore di ossa.
    La cura mi ammala e sfinisce il tuo tenermi in vita.
    Tu sbocconcelli i miei giorni lasciandoli interi.
    Tutto ciò che mi dai mi ruba e mentre mi spogli del tuo amore,
    ricordo di essere sempre stata vestita di niente.

  • 29 ottobre 2011 alle ore 13:11
    E' tuo

    Dovresti prendere di me anche i resti:
    il cuore che hai allettato e l'atrofia
    dei battiti a cui non darà più luce,
    illuso utero infermo.
    Dovresti portargli al capezzale le strade che non correrà più
    ed adottare questa penna ormai orfana
    che ancora sugge dalla mia carne spenta
    il nutrimento ucciso.

  • 28 ottobre 2011 alle ore 23:14
    Il cattivo allevatore

    Dei suoi escrementi e dello strame
    preso da giardini avvelenati
    il cattivo allevatore fa pastura,
    fetida, nauseabonda e tossica,
    che pur traveste da buon mangime,
    e ricco, anche di questa, egli si fa

    della nostra miseria e pavidità
    beneficiando.

  • 28 ottobre 2011 alle ore 22:55
    Erotica cuspide

    Piovimi addosso
    dolce e violenta
    come morbida piuma
    e grandine nuda
    a randellare
    i vetri del tempo.
    Vanno in frantumi
    gli errori passati
    infrangibili e deboli
    sul punto di rottura
    che tocchi
    cadendo dal tuo cielo
    di erotica cuspide.
    Mazzate d'amore
    senza pietà
    sono i baci e la pelle
    che nel buio mi doni.
    Ed io ti amo rapito
    immune
    da schegge remote
    in un attimo esplose
    protetto
    dalle taglienti minacce
    sotto di te.

  • 28 ottobre 2011 alle ore 22:51
    Bubi

          Macchia che si scioglie
    all'incedere della bufera
    adesso, mi ci sento io.
     
       Sconfitta da un'ingombrante
    presenza che mai cesserà,
    a me rimane il dietro le quinte,
    un ruolo profondo che nessuno
    vedrà.

     
       L'Attore non si accorge di me,
        le comparse ochettano tanto
        forte da coprirmi la voce.
       Non importa.
     
         Scrivo e consegno
         parti di me alle ali
         verdi di una farfalla, Speranza,

    cosicché nel suo incedere
    leggero, possa far tuoi anche
    i lati più imprescrutabili
    della mia anima,

       e custodirne il volo imperfetto,
    ma unico e prezioso, per la
    storia che racchiude in sé.

  • 28 ottobre 2011 alle ore 21:19
    Ad filiam

    Ti voglio spettinata, con flemma
    d'argento a suggellare le
    tue parole.

    In equilibrio dovrai stare,
    ma senza libri sopra il capo,
    la tua destrezza verrà fuori
     
    come spire d'incenso a 
    infondere archi di leggiadria.
    Leggi il corpo delle cose,

    non volare senza prima 
    infarcirti i capelli
    di qualche tinta bizzarra.

    Parlami dell'amore come
    ne parlerebbe una discola,
    vai a letto quando hai sonno,

    sorvegliami perché i miei
    incubi al risveglio non possano
    ferirmi.

    E cerca di farmi arrabbiare
    più che possibile,
    altrimenti la mia bocca
    si abituerà a cercarti

    anche quando non mi sarai
    di aiuto.

  • 28 ottobre 2011 alle ore 15:45
    La vita è un caso

    La vita come una saetta appare,

    se pensi che

    in questo mondo

    come un granulo infinitesimo

    di un mucchio infinito di sabbia

    noi siamo.

    Per caso!

     

    La vita come un miraggio è,

    se pensi che

    su questo mondo

    solo per caso

    noi siamo.

    Reo di due cromosomi

    lo scontro è.

    Per caso!

     

    Per una vita intera ti arrovelli,

    ché dal torpore  della mente

    ti svegli

    e dallo squallore delle nostre ime pochezze

    ti penti,

    troppo tardi è.

  • 28 ottobre 2011 alle ore 15:08
    Svolta

    Mi piace l'autunno che si stende sui viali
    e li uccide all'estate. Lo sparo ha il gracidio di carta
    di cento foglie pestate a sangue dal vento,
    ha le dita di un bambino, edera rossa intorno allo stelo di un ombrello.
    Come vorrei le tue mani ad arrugginire sulle mie mentre ci assale l'inverno.

  • 27 ottobre 2011 alle ore 14:07
    Trenta Novembre

     Ho un giorno di buio negli occhi,
    una metà sempre chiusa.
    Io porto le palpebre come bandiere a mezz'asta
    perchè  si sappia  del lutto in cui muore solo un nome.
    Sarò sempre cieca fino a quando vedrò per te.

  • 27 ottobre 2011 alle ore 9:03
    Canada

    Questo amore scarnificato di cui vorremmo saziarci,
    dimentico monatto sulle macerie,
    untore dei nostri brandelli.
    Poi la notte ci inchioda alla sua peste, puntuale ai miei occhi
    come un lupo al recinto quando io vorrei fermarla per  tenerti ancora il cuore.

  • 27 ottobre 2011 alle ore 9:02
    Mai

    Lascio che mi taglino ancora ed ancora perchè si confonda la tua incisione
    alle altre, perchè sia bendato il dolore più grande
    da ridicoli sfregi presuntuosi. Ma poi non mi accorgo
    di una bocca di sangue più vivida già in pubescenza,
    una fioritura novella tra canute sterpaglie.
    E quando ancora vorrei raggrumasse per somigliare al male rattrappito,
    quella mi sfugge, straripa e racconta di te.

  • 26 ottobre 2011 alle ore 20:12
    Lasciami

    Lasciami l’attesa ed i tuoi silenzi,
    cieli immensi e una nuvola sospesa
    bastano a fermare l’orba follia,
    quando tu eri mia senza più sognare,
    vivendo fuori da ogni mia ragione
    nella prigione degli eterni amori.

    Lasciami l’attesa e l’eterea assenza,
    viva coscienza d’una vita spesa
    soffrendo solo nelle mie segrete,
    privo di rete nell’immenso volo,
    ad immolare senz’indugio, amore,
    tutto il mio cuore per poterti amare.

  • 26 ottobre 2011 alle ore 16:21
    Strane lune

    Strane lune
    etichette sbarazzine,
    invidia di poeti ruvidi,
    di amanti condannati.

    Torce che si aprono
    come ventagli d'oriente,
    rime che ritornano
    a setacciare il fiato.

    Biondi sprazzi
    di una lunga gestazione,
    e che ferite per le anime
    rigate da assenze.

    Sbocceranno nei mesi
    cupi, testimoni della
    solita omissione
    di coraggio e di premure.

  • 26 ottobre 2011 alle ore 14:08
    Occhi chiusi

    Paure, certezze
    e ancora paure,
    così si resiste all'amore
    per ciò che ci nutre,
    che da senso alle
    nostre giornate
    e colora il paesaggio
    di fronte ai nostri occhi.
    E così fragile l'equilibrio,
    tra occhi chiusi
    e quasi aperti,
    che un briciolo
    di luce arriva sempre,
    ad illuminare
    le nostre paure.
    Chiudi i miei occhi
    con le tue lisce mani,
    e chiedimi di aprirli
    solo per te,
    per osservare
    insieme il nostro domani,
    ed io sarò tuo,
    senza paure.

  • 26 ottobre 2011 alle ore 12:39
    Acero

    Vorrei che mi insegnassi il nord,  la fame delle tue rocce
    e come tessono i tuoi venti la voce.
    Ma poi so che mi chiamerebbe la sabbia ad una nuova promessa,
    agli ulivi circoncisi dai fulmini, alla verde masnada di mandorli
    contegnosamente assetati oltre le finestre, accostate alla calura leonina
    del mezzodì come mani sul viso.

  • 26 ottobre 2011 alle ore 9:35
    Nel fiume del tempo

    Sempre in agguato
    dietro l'ombra di un ricordo
    mi sorprende la poesia
    né preavvisa
    come un monello che corre alla "tana"
    spiando la mossa imprudente
    del capolino.

    Non è mai abbastanza sicuro
    il mio nascondiglio.

    Mi tradisce ogni volta
    l'illusione che il fiume del tempo
    non possa tornare a bagnare di nuovo
    la medesima riva.

  • 25 ottobre 2011 alle ore 15:34
    Eyes wide open

    Non spegnerai mai la mia penna.
    Puoi avermi impiccato il cuore,
    storto la lingua perchè vedesse soltanto il tuo nome.
    Ma le parole resteranno in piedi,
    bei soldatini d'inchiostro che non indietreggeranno quando gli ordinerai dolore.

  • 25 ottobre 2011 alle ore 15:06
    Blu

    Credevo  di poter guarire da te.
    Ma sei tramestio di onde, 
    risacca caparbia alla mia porta.
    Ed io ti apro, sapendoti già nuovamente uno sbuffo al largo.