username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • La poesia contiene la parola
  • Nome autore

Poesie

“Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch'io chiamo poesia”
Edoardo Sanguineti


Le poesie dei nostri autori sono tutte raccolte qui.
Se vuoi inserire le tue poesie in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • 03 giugno alle ore 18:21
    Capire

    Capire
     
     
     
     
    L’anarchia
    L’utopia
    L’anima mia.
     
    Il branco
    La sopravvivenza
    La sola lotta giusta.
     
     
    Cit. “ La lotta per la sopravvivenza giustifica ogni tipo di lotta. “
     

     

  • 03 giugno alle ore 17:07
    Verso l'anima

    Verso l’anima
    Come le Driadi vago nei campi coltivati a inchiostro,
    sfuggo al tuo tronco ché gli occhi si annebbiano
    e i tratti segnati restano indelebili al tempo.
    Verso l’anima su quelle grandi distese,
    semi di vita smarrita e parabole disegnate dal vento.

  • 03 giugno alle ore 14:57
    Mani salve. (Marinai)

    Fino al giorno in cui i miei giorni sarai tu,
    mi aggrapperò alle tue mani belle,
    mia cara sorte passeggera,
    per aver mani salve dalle lacrime,
    terraferma sotto i miei piedi 
    su cui muovermi con certezza.
    Tutto ciò che è ora,
    un caldo mare di sguardi.
    Fin'ora,
    ogni volta sei stato una lettera persa
    una di quelle che veramente
    ti avrei dato con dentro un fiore.
    Ahimè i giorni sono incogniti 
    tutto sommato, e potresti cadere dimenticato
    o cambiarmi la vita.
    Tutto ciò, ora
    è un caldo mare di sguardi.
     

  • 03 giugno alle ore 13:25
    All'ombra dell'alba

    Interminabili
    le desolate praterie d'intenti
    che nascono all'ombra dell'alba
    e calano liane di speranza
    sopra vasti abissi di sconforto...

    Silente
    l'animo che cerca quiete
    dimenandosi tra il continuo logaritmo
    e la totale assenza di mente
    precipitando infine in malsane maree...

    Scoperto
    il giaciglio dei desii nascosti miei
    resto pacato dova sospira la natura
    ed il fresco alito della presenza di lei
    diviene vivo spasmo del mio tedioso moto.

    Raffaele di Ianni

  • 03 giugno alle ore 0:39
    Tuono

    Sull'orlo
    di cielo sospeso
    t'arrotoli
    in istanti di tempo scordati
    Sconosciuto lembo iridato
    ermetico
    orlo d'immenso
    mi somigli
    m'inventi
    mi abbandoni
    mi cerchi
    Mi racconti.

  • 02 giugno alle ore 22:34

    Grazie all'odore dei bugiardi ho scoperto il valore del profumo della sincerità. Grazie alle ferite lasciatemi dalla cattiveria altrui ho scoperto l'assoluta importanza di un cerotto chiamato "Amico". E' a causa dei "Bastoni tra le ruote" che ho imparato a volare ancora più in alto. E' grazie a voi traditori che ho dato vita al meglio di me. Grazie a voi oggi ho una personalità che non teme confronto e non getta la spugna. Per quelli/e come me non esiste la "Bandiera Bianca" della resa.

  • 02 giugno alle ore 21:35

    Non è vero che dubito di tutti e tutto... Prendo solo le mie adeguate precauzioni. Le fregature fanno male e se da quel dolore non avessi imparato niente sarei una persona poco intelligente. Non mantengo le distanze perché mi sento "Superiore", ma semplicemente perché ho tolto dal banco "Offerte" la mia fiducia. Mi affeziono piano, valuto a lungo e mi apro poco perché adesso la mia "Fiducia" sta in una cassaforte priva di combinazioni che solo la chiave dell'onestà è in grado di aprire.

  • 02 giugno alle ore 21:00

    Non pesano le delusioni, ma il tempo che serve per superarle. Non pesano le persone sbagliate che incontri, ma i pezzi di te che a causa loro perdi per strada. Non pesano le lacrime, ma il rammarico di non riuscire a fermarle per sapendo che non sono meritate. Non mi pesa sbagliare e ammetterlo, ma vedere che quando è con me che si sbaglia le mie orecchie non abbaino quasi mai sentito un semplice "Scusami".

  • 02 giugno alle ore 16:38

    Mi rendo conto di quanto sia più facile incolpare gli altri per non dover fare i conti con le proprie coscienze, le proprie incapacità e i propri limiti. Ricordiamoci però che la coscienza non si lava con questi mezzi e le incapacità si accettano allo stesso modo in cui i limiti si affrontano e si superano. Ricordiamoci anche che da parte mia, un "Non fa niente"... Per le false "Storie" che sparate verso di me non lo avrete mai. La cattiveria ingiustificata purtroppo in me, non troverà mai una valida giustificazione!

  • 02 giugno alle ore 16:16
    ovviamente non temo

    Non temo le vostre armi luccicanti ne pistole e nemmeno fucili tuonanti. Non temo nessun ordine nascosto dalla forza ne opressioni ne tanto meno l'alito e il fuoco.. di un nemico amico che vale poco. Non temo nonostante io non possa mai difendermi, non temo niente nemmeno di morire.. pur sapendo che spesso le cause giuste sono giuste cause e finiscono alla fine della bocca di un fucile. Non temo e come un vero indiano in alto alzo la mano in segno di rigore e in attesa di dare punizione. Ma come non temo sono anche un duomo di questo mondo e così la mia mano tendo chiunque voglia, che giustizia giusta e pace regnino su ogni terra di questo mondo. E ancora ancora non temo nemmeno la pace. Ovviamente non temo.

  • 02 giugno alle ore 15:43
    Maria Luisa

    Il tuo sguardo le tue risa indelebili restano nella mia mente. Inossidabile al tempo indistruttibile all'amore impassibile al dolore la tua anima senza veli mi riempie tutt'ora il cuore.

  • 02 giugno alle ore 15:38
    nostalgia

    Per tutti i baci per ogni carezza e per gli abbracci che non ti darò più rivolgo a te il mio pensiero più triste. Ormai sono solo figlio del tempo non passato con te. Si, un figlio già grande ma mai tanto grande da non stare con te. E così, ogni giorno voglio e cerco e mi faccio bastare una rosa una sola rosa che profumi di te.

  • 02 giugno alle ore 13:11
    Assaporo la pace

    Assaporo la pace
    e sa di buono

    Sa di caldi pensieri
    dondolati in veranda,
    addolciti da note
    di inebriante lavanda

    Sa di spiagge assolate
    e paesaggi di cocco
    che superbi sfavillano
    per allietare il corpo

    Sa di acque spumose
    e cavalli al galoppo
    che trionfanti calpestano
    quanto è grigio e smorto.

    Tra accoglienti sabbie dorate
    e conchiglie roventi e rosate,
    paziente attendo
    la frescura del mare zaffiro
    per completar l’incanto
    del momento divino.

    Intanto,
    mentre il sole mi porge il suo inchino…

    assaporo la pace.

  • 02 giugno alle ore 10:22
    Non come rosa

    Che man gentil dal suo cespuglio colga
    o che agir violento da lì con furia strappi
    della rosa il dolce  profum  si  muore
    e l’acuta spina poi perde  il suo vigore,
    pur degli amanti al fiore la fragranza
    scema  quando tra quei cuori il distacco
    avvien quale ne  sia di questo la ragione
    fior della rosa  diverso  poi sia nell’aspetto
    sia nei colori che per vero senza spine nato
    poi di queste lui  morente si ricopre tutto
    per  far sol  un dei due cuori  sanguinare
     

  • 01 giugno alle ore 23:21
    Ricordi

    Ricordi d'intonati arpeggi
    sulle corde del cuore
    divenuti poi
    effigi di lugubri cimiteri.
    Ma il pensiero è sempre lì!

  • 01 giugno alle ore 23:18

     

  • 01 giugno alle ore 21:07
    T'incontrerò

    T'incontrerò un giorno, senza cercarti.
    Ti vedrò tra la gente, e saprò che sei tu.
    Occhi pieni di dolcezza, sorrisi illuminanti.
    Un passo avanti, per toccarsi le mani.
    Un tocco lieve, ma basterà ad unire due anime.

  • 01 giugno alle ore 20:58

    Chi sono io?! Una rompi balle, una che si incazza, una che se hai torto vinta non te la darà mai. E' si, sono una che le cose te le sputa in faccia come le pensa e a volte anche in modo poco garbato. Sono testarda e maledettamente bastarda quando sento aria di "Presa per il culo". Sono quella che sta per fatti suoi, che non rompe a chi non conosce e non va cercando approvazioni o consensi. Questo è ciò che sono io per la maggior parte del mondo... Poi c'è la mia dolcezza, la mia vulnerabilità e la mia capacità di giocarmi anche l'anima per chi amo. C'è la mia intelligenza, la mia voglia di farmi conoscere oltre ciò che mostro... Ma quello lo regalo a pochi... Al resto del mondo dico accontentatevi di ciò che vedete e pensatene pure ciò che volete a me non cambia niente.

  • 01 giugno alle ore 20:02

    Alzati in volo anima bellissima. Apri quelle ali e sbaraglia ogni paura. Liberati del fango che ti hanno gettato addosso volando nella pioggia. Lascia che il forte vento trascini via ogni ricordo, ogni delusione e quel dolore che porti dentro con rassegnazione. Alzati in volo stupenda creatura, il mondo è pieno di anime come te, solo che si sono ben nascoste esattamente come hai fatto tu fino ad oggi. Va a cercarle, va a prenderle! Basta! Alzati, apri le ali che la vita ti ha donato e spicca quel volo anche se ti fa paura. Le nuvole sono solo ciò che sta tra te e il sole... Raggiungile, oltrepassale e torna a vivere!

  • 01 giugno alle ore 15:51

    Mi aspettano giorni nuovi, giorni in cui non intendo privarmi mai più di niente di ciò che sono. Esperienze che ti cambiano, che ti fanno smettere di essere quella dolce anima innocente e credulona. Persone che lasciano segni così netti dentro al petto che non potrai mai più essere la stessa persona. Liberandomi di determinate cose e persone non mi sento più "Povera", ma più "Ricca". Mi sono arricchita di nuovi sentimenti e sensazioni che mi faranno vivere nuovi giorni pieni di consapevolezza.

  • 01 giugno alle ore 14:02
    Babele sulle labbra

    Babele sulle labbra.
    Totale arsura
    ruggisce a questi laghi.
    Mi dicono: acerbi grani fino al nulla.
    Al ronzio dei lampioni
    mi abbandono al disaccordo di luce.
    Gemo nel vento. E' l'ignoto.
    Ambigui di lucertole
    mentre addensa e confonde.
    <<<<<< Il gioco dell'oca.
    E vengo ai gangli
    \___di zolfo il corpo profondo.
    Fantasmi alterati
    _in questa elite di teche chiuse.
    Vagando di vetriolo
    le parole non si  pronunciano.
    Il limbo della bolla
    non esita a scalfirmi.
    Scendo nel suo consueto artificiale.
    Ma io non ho mai sgominato
    ______per prenderne possesso.

  • 01 giugno alle ore 12:38
    Un vibrante ricordo

    Quella mattina, d'estate,
    t'incontrai per caso...
    camminavi, esitante e impacciata,
    sul caldo selciato di porfido
    Ti girasti a guardarmi...
    sorridesti, 
    le labbra velate dal rossore del viso,
    inaspettato.
    Balbettai...buongiorno!
    C'eravamo già conosciuti
    Non sappiamo quando, né dove
    Solo un vibrante ricordo...
    Le nostre anime si amavano da sempre

  • 01 giugno alle ore 2:49

    Ho sempre odiato gli stronzi, gli ipocriti e i falsi. Ho sempre schifato i grandi attori da palcoscenico e i loro copioni tutti uguali. Ho sempre evitato gli egoisti e i puttanieri. Ho riso in faccia a chi si arrampicava sugli specchi e con frasi d'effetto tentava di salvarsi la faccia donandomi lo zuccherino per addolcirmi. Sono così da più di 40 anni ormai e non intendo cambiare! A volte mi lascio anche ingannare, altre faccio finta di crederci per vedere dove è disposta ad arrivare certa gente, ma per poco... Perché ciò che ho sempre portato alto nella mia vita è il valore dell'onestà, del rispetto e della sincerità! Non cambierò adesso e non cambierò mai... Tanto meno per far sentire "Vincente" qualcuno che nella vita l'unica cosa che ha saputo davvero collezionare è un gran numero di "Trofei" senza senso.

  • Vivo sottoposto
    alle condizioni dettate dall'anima 

    con le privazioni e le nostalgie
    a cullarmi nell'eterno silente tormento

    a suonare arie di danza
    e dimenarmi nell'interiorità 

    a soffrire la noia
    di questa vita meschina

    E cerco il perchè del sollievo
    tra le lacrime delle mie voglie poetiche

    per delinearne i contorni morali

    e ridurli alla mia chiarezza

    nel potere arcano
    d'acquistare la felicità

    a prezzo di quell'anima

    motivo inquieto delle mie angosce
    e della mia solitudine

    e piegarmi dove Dio respira

    nel riflusso di quei malesseri
    e del loro incalzante destino
    .
    cesaremoceo
    proprietà intellettuale riservata
    Copyright

  • 31 maggio alle ore 19:27
    L'attimo perso

    Ho camminato, vani passi,
    sul sentiero dei pensieri schiacciati,
    al ritmo del trotto battuto,
    nella nebbia avida d’ombra,
    nel vento foriero di consapevoli verità.
    Senza chiedere nulla
    al quadrante del tempo,
    all'attimo perso.