username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • La poesia contiene la parola
  • Nome autore

Poesie

“Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch'io chiamo poesia”
Edoardo Sanguineti


Le poesie dei nostri autori sono tutte raccolte qui.
Se vuoi inserire le tue poesie in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • 19 marzo alle ore 15:49

    Alla gente che non ha un cazzo da fare, che trova sempre tempo per farsi i cazzi degli altri, di guardare e giudicare la vita altrui... Io gli darei un mutuo da pagare, bollette, un figlio da sfamare, da correre dalle 7 del mattino alla sera tra palestra, catechismo, lezione impegni vari e pensieri i veri pensieri quelli di una famiglia, con delle responsabilità.. Poi vediamo se avrebbero ancora tempo di contare le mosche che volano sopra la loro merda!

  • 19 marzo alle ore 11:52
    Buio

    Smettila di far rumore
    e di battere così forte,
    mio dannato amico!
    Fa che i tuoi sussulti
    siano lievi e silenti,
    siano i passi di ballerina.
    Lasciati riempire di una
    vaga rugiada emozionale,
    della malinconia dei riflessi
    di uno specchio infranto nel buio.
    Contraiti si ritmicamente,
    ma non pompare se non aria
    sporca e avvelenata di notti
    fatte di sonni senza sogni.

  • 19 marzo alle ore 11:50
    Amici

    Tutti i giorni incontro
    un mondo randagio,
    che bastardo mi attacca,
    passo il mio tempo in difesa,
    proteggendo ciò che ho
    e ciò che riesco a conquistare.
    Cammino basso,
    guardando in faccia
    chi mi si oppone,
    mentre il vento soffia
    sabbia bianca
    sul mio volto
    ed il sole freddo
    adombra il mio spirito.
    Avanzo verso la sera
    per dormire e per trovare
    chi mi sappia comprendere
    almeno accettare.
    Sembra che guardi
    un fratello
    quando incontro
    coloro che amo
    e che so dove sono,
    attendo il mio tempo
    e che la corrente passi
    nel fiume della vita
    per vedere i miei amici,
    che uccidono la mia rabbia
    e mi sento rinascere
    in un paradiso terreste.
    Rilassandomi come un crisantemo
    Al momento della schiusa,
    trovando l’equilibrio
    e la voglia di capire
    chi cerca di capirmi
    credo di amarli!

  • 19 marzo alle ore 7:51
    Aedo

    C'era l'aedo a corte
    i banchetti a allietare
    delle omeriche imprese
    con nobiltà d'emozione.

    Vibravano le note
    delle eroiche storie
    consegnate a memorie
    nei poemi cantate.

    Oggi c'è il conduttore
    affiancato dall'attore
    a promuovere il niente.

    E' rimasta la corte
    democratica di nome
    e grata suona l'adulazione.

  • Il tuo sorriso, aperto,
    il tuo sguardo indagatore,
    ma preoccupato,
    attento.
    Non conoscevo,
    non ho conosciuto,
    ma tu sei morto invano,
    se, almeno oggi,
    non parlo di te
    Peppe Diana,
    sacerdote di Dio,
    di un Dio fattosi umano,
    che morì sulla croce,
    per me, per te, per noi.
    Se non ricordo,
    in questo giorno qualsiasi,
    eppure da memoria,
    il tuo sorriso, certamente umano,
    alle cui spalle non poteva
    non esserci il timore
    di chi ti avrebbe un giorno
    fatto tacere.
    Per te, per me, per noi,
    per mio nipote che ha solo tre mesi
    e che sorride spesso
    e guarda al mondo,
    pregherò Don Peppe,
    sacerdote di Dio.
    Che tu non sia
    Dimenticato mai.
    Pace per noi.
    BiEffe
     

  • 19 marzo alle ore 2:35
    Argini

    Era la vita
    che impazzava nelle vene
    e che esondava
    rompendo gli argini 
    di un gemito d'amore
    ad occhi chiusi
    mentre sopra di me nuda
    in appartenenza mia completa
    ti muovevi.
     
    Si fermò il tempo 
    sulla tua bocca aperta
    e lo raccogliesti nelle mani
    che chiuse a pugno 
    mi stringevano i capelli
    in simbiosi col contrarsi
    violento del tuo ventre 
    contro al mio.
     
    Fu la felicità
    toccata coi silenzi
    che ci sorprese inermi
    l'uno dentro l'altra
    mentre tutto intorno
    era amore
    era poesia.

  • 18 marzo alle ore 23:25
    Contadino di un tempo

    Amava la semplicità
    era un uomo duro
    ma che coglieva
    l'importanza di essere
    vivo, e mangiare
    quello che c'era
    senza fiatare
    immaginandosi
    di scrutare sempre il sole
    anche ai lati di un tramonto
    oscuro, con valige pronte
    per un alloggio silenzioso
    e veramente sicuro

  • 18 marzo alle ore 22:27

    Questo è per te papà mio, e per tutti i papà del mondo. Per quelli vicini e per quelli lontani. Ai papà un po duri e severi, a quelli dolci e coccoloni. Ai papà sensibili e quelli più freddi. A quelli che hanno gli occhi segnati dai sacrifici, dalla vita e dalle difficoltà. A quelli che hanno saputo anche nei sacrifici farci sentire fieri e orgogliosi di essere figli loro. A quelli che nella povertà materiale hanno saputo insegnarci la ricchezza dei valori. Ai papà che non ci sono più e che almeno in questo giorno vorremmo riabbracciare... AUGURI PAPA'!

  • 18 marzo alle ore 21:59
    Non è quel senso

    Non è quel senso che resta
    a ridarti la vita
    a ridarti una speranza
    mentre passa il tempo
    nello stupore che scuce
    le cuciture di un orlo
    impoverito, ma il significato
    del perchè sei nato

  • 18 marzo alle ore 21:51
    Assenza

    Cammino per la mia città
    la via principale mi sembra vuota
    non ricordo più questa città
    dell’ultimo nostro incontro la data
    ma sento la tua mancanza
    Come l’albero genera foglie
    e le nutre
    sino alla stagione autunnale
    quando ormai secche
    cadono inaridite
    Così io poeta
    senza la tua presenza
    senza mia parola scritta
    non potrei comporre carmina
    ispirati tua rimembranza
    La mia vita non ha senso
    la mia esistenza non ha significato
    se non c’è il di te pensiero
    in te funzione avviene tutto
    senza te sarebbe nulla il mio vissuto
    Ritrovando te
    rincontrando te
    amando te
    posso rivivere
    posso resistere
    Solo a te donando
    tutto me stesso
    solo rammentando
    ogni momento
    a noi legato
    Sei tutta la mia vita
    fosti la vera prima
    non posso far dimenticanza
    non posso far perdita
    non posso far offesa
    Intimi accenni accesi
    toni sopiti
    ritmi accennati
    or mutati
    in lievi movimenti.
     
     

  • 18 marzo alle ore 19:18
    Selvatico

    Ti senti brutto 
    così vecchio
    che se inciampi 
    ci rimani secco

    Già che ci sono
    ti fanno lo sgambetto
    come una melanzana
    spiaccicato sul pavimento

    Senza di te, cosa cambierebbe?
    pure il circolo dei vecchi 
    non perderebbe niente

    Qualche figlio forse
    piangerebbe
    ma anche se così fosse

    qualche nipote forse 
    si lagnerebbe
    e se così fosse

    lo distraerebbe
    dai tuoi occhi spenti 
    che sembrano mimose

    consumate dai venti 
    fiori da campo
    il giovane si pente
    di non averli colti in tempo

    fiori selvatici da campo
    Figliolo, li hai soffiati via 
    a che cosa serve ora
    questa malinconia?

    Te ne resti li da solo
    non sprecherai il tempo 
    te ne resti li lontano
    perchè il tuo tempo è sano

    Non è tuo figlio, vecchio
    era un fiore da giardino 
    non si coglie e non si vende
    ma si protegge dal vicino

    e tu l'ha i colto, vecchio
    potrebbe appassire in fretta
    nella tomba sei uno specchio
    a cui lui non da più retta 

    non è tuo figlio, vecchio
    eppure dei tuoi figli
    questo è venuto meglio 

    grazie di averlo colto
    vecchio

  • 18 marzo alle ore 16:34
    Per ritrovarti

    Senza ritegno
    mi lasciavo andare
    in quella folle corsa
    ad inseguire la tua ombra
    tra arcani pendii della mente.

    Senza mai raggiungerti.

    E ritornavo ad ogni alba
    dopo notti senza tempo
    più esausta che mai
    stringendo in gola un pianto
    e tra i pugni brandelli di memoria.
    per ritovarti...ebbra di stupore
    tra gli spigoli del cuore
    da dove, non eri mai andato via.

  • 18 marzo alle ore 16:26
    EPILOGO

    strade solitarie
    auto ferme
    il verde degli alberi
    muta in rosso slavato
    un'architettura di suoni
    dentro di me
    tu sei nell'altra stanza
    apri la porta
    e prima che
    tu dica qualcosa
    la festa finisce

    uno solo è rimasto
    a leccarsi le ferite            

  • 18 marzo alle ore 13:15
    Fiati corrisposti

    Nel tuo buio che diventa il mio

    col respiro ansimante
    e la mente a vagare incosciente

    trovare le parole e i giusti suggerimenti
    nel bisogno che anch'io ho di te

    Cerchiamo di venirci incontro
    senza vederci martiri inaciditi

    a emanare rabbia e dolore

    e senza cadere
    nella vigliaccheria di non parlarci

    E tormentarci

    per sgusciare dai nostri silenzi
    fino a rileggerci dentro

    e cogliere ancora
    nuove ispirazioni
    .
    cesaremoceo

  • 18 marzo alle ore 12:41
    Le vie del sole

    Molte volte non sono io che scrivo

    sono le parole che mi cercano

    quando i sentimenti
    eruttano le sofferenze del cuore

    e cercano le vie del sole

    con i raggi a prendere
    senza concedere

    e creano un cerchio
    che non quadra mai

    negli strani cambiamenti
    che portano l'ostilità all'abbandono

    la complicità alla diffidenza

    e che trova la sua realizzazione
    nello stesso vivere

    anche se fatto d'incertezze
    e di perchè

    che forse non avranno mai risposte

    col desiderio di rimanere sempre piccoli
    a giocare con la fantasia
    .
    cesaremoceo

  • 18 marzo alle ore 10:03
    Forse si credeva erba medicamentosa

    Forse si credeva erba medicamentosa
    quando era sdraiata 
    e controllava che il nostro triangolo di stelle
    fosse esattamente lì
    che null’altro cadesse dal cielo
    in quei mesi prestati all'assenza
    era convinta che i tre puntini 
    ci guardassero fissi
    con qualche altra intenzione

    e voleva che le dicessi sempre di sì
    con dei baci magari
    perché si emozionassero
    ed in fondo lo facevo 
    restando lì sopra
    crescevo silenziosa come un albero.
    Ma io avrei voluto dirle Smettila
    smettila di fare così
    per dire che è tutto al suo posto.

  • 18 marzo alle ore 9:48

    Capire
     
     
    Capire!
     
    L’anarchia
    L’utopia
    L’anima mia.
     
    Il branco
    La sopravvivenza
    La sola lotta giusta.
     

  • 18 marzo alle ore 9:47

    Perché  Aspettare
     
     
    Annuso la morte
    La sento nell’aria
     
    Vorrei morire
    Perché aspettare!
     
    Aspettare per capire…
    Capire cosa?
     
    Quello che da vivo
    Non potrò capire mai.
     
    Ma cosa c’è da capire?
    Ha un senso capire?
     
    Capire il passato!
    Capire il presente!
     
    Tutto ha un senso
    Ma solo al cospetto di Dio.
     

  • 18 marzo alle ore 4:15
    Aerei di carta

    Che voglia matta
    di tornare a fare
    gli aerei di carta
    e poi farli volare.

    Piccolini e leggeri,
    e fatti con amore,
    erano pure teneri
    in qualsiasi colore.

     

  • 17 marzo alle ore 17:50
    Salvezza

    Non basta un mare
    per spurgare
    gli anni bui
    ma mille mari
    sì, e quelli
    sei tu.

  • 17 marzo alle ore 14:32
    Labirinti senza uscite

    Camminare sotto braccio
    con le avversità

    in mezzo a esaltazioni incenerite

    resti degli incendi
    che divampano nel vivere

    e sperare ancora
    in qualche oasi di verde

    dove scampagnare
    in compagnia delle emozioni

    e celebrare le gioie della vita

    Accorgersi invece

    d'avere i rami caduchi

    con le foglie ingiallite
    consumate dal tempo spietato

    che si perdono per insignificanti 
    aliti di respiro angosciante 

    nell'illusoria essenza del vivere

    con i dubbi che riempiono la mente

    e la ragione che s'affligge per dissiparli
    scegliendo labirinti senza vie d'uscita 
    .
    cesaremoceo

  • 17 marzo alle ore 13:23
    Dopo mezzanotte

    Tornata zucca la carrozza
    e topolini i cavalli
    restò di cristallo la scarpa
    a ricordo dei balli.

    Dopo mezzanotte succede
    come la fiaba racconta
    che un sogno resti brillante
    speranza di vita nuova.

    E tornerà Cenerentola
    a danzare col Principe
    perché la bellezza innamora.

    Non c'è bisogno di fate
    ad una terra guarita
    da cattiverie e da botte.

  • 17 marzo alle ore 12:50
    VIVI

    Briciole di luna

    sulle ciglia

    come fuliggine eterea

    ad accendere braci

    mai spente

    Trasparenze di bistro

    a rifletterci,

    specchi stregati di giorni

    tutti uguali

    e noi

    che esistiamo a prescindere

    in un gioco di pelle

    che risorge ogni volta

    come un gatto

    Fuori

    un perimetro oscuro

    da adornare di stelle

    come trine di luce

    insistente

    Noi

    che troviamo il bagliore

    in coriandoli astrusi

    di comete già spente

    respirandole forte

    da ubriacarci

    noi

    con gli sguardi allacciati

    sciabolate di vita

    su cuori

    sempre infranti dal forse

    ma vivi

  • 17 marzo alle ore 12:23
    Stelle cadenti

    Piovono dal cielo
    E si stagliano nel tempo:
    Il candore d'un sospiro,
    Spinge il vento dei ricordi...
    Nei tuoi occhi indaffarati
    Tra le pagine del cuore.

  • 17 marzo alle ore 12:15
    Accattone

    Morbida carezza
    Sulla ruga dell'essenza
    Di chi vuole ammirazione.
    Solo il pianto di un padrone
    Sulla ruga di un barbone
    Che s'affloscia sul cartone.
    Lotta il vuoto dentro il masso.
    Sordo è il tonfo del collasso.
    La miseria ed il trambusto
    D'una vita sempre a spasso
    Che s'accascia
    E afferra il fiasco!