username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Raffaela Ruju

in archivio dal 03 mag 2006

28 febbraio 1960, Tissi (SS) - Italia

13 luglio 2007

Nel mare il vento è un lungo affanno

Nel mare il vento è un lungo affanno
di onde che rincorrono la brezza
la salamandra trova un angolo di muro
e somma petali di gerbera ai minuti dei secoli
moltiplicando corolle d'incertezza nei silenzi

Frantumi di specchi sull'orecchio
e spicchi di sole sui sopraccigli biondi
s'inarcano alla vista del dolore
sussurrano l'attesa di aspettare
il nome di mia madre su labbra di ghiaccio

Faceva freddo a Luglio in un giorno come questo
e mi mancava il silenzio dell'inverno
e il gelo cristallino del fiato condensato
forse c'è un sole eterno dove si resta soli
dove anche il sangue segna un'ombra di vena

In un giorno come oggi
non possono fiorire crisantemi
c'è solo un vento marino
che sbatte l'odor di giglio sullo scoglio
e un silenzio autunnale nell'aria tremenda

Lo sguardo del tempo ha abbandonato l'occhio
dimenticando il pianto del neonato
e il seno che ha allattato la speranza
sbiancando il volto inamidato sul lenzuolo
che tocco con mani di pioggia nella rugiada estiva.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento