username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 29 mag 2007

Raffaele Catello

21 agosto 1980, Napoli
Segni particolari: Ho una cicatrice in viso in ricordo di un adenoma pleomorfo che mi è stato asportato qualche mese fa.
Mi descrivo così: Sognatore. Sono un poeta, scrittore, attore. Ho pubblicato la mia prima opera per la casa editrice "Il Filo". Il titolo è Nunn'è poesia - Guerrammòre
Mi trovi anche su:

elementi per pagina
  • Il lume della ragione
    fu portato
    nel labirinto della follia.


    Lì,
    si perse per sempre.

     

    Presente nella silloge "Nunn'è poesia-Guerrammòre"

     
  • 10 ottobre 2007
    A Fabio Zingone

    Tu ca tenive ‘a vita dint’e mmane
    L’haje fatta fujì comme acqua currente;
    mò nun può cchiù vedè ‘o dimane
    ‘e chistu munno malamente.

    Sì vulato senz’ali,
    all’intrasàtto ,
    ‘na notte ‘e primmavera

    Pe’ ‘na ‘nziria ‘e ‘na guagliona;
    pe ‘o senso d’inadeguatezza;
    pe’ ‘nu mumento ‘e sbandamento;
    pecchè campà era addiventato nu turmiento?

    ‘E te cunuscevo ‘a capa tosta;
    nun sapevo d’o curaggio ca tenìve,
    ca è servùto pe’ te vuttà verso ‘o scuro.

    Nun ‘nce stà mutivo justo
    pe’ stù gesto
    e nun ‘nce stanne spiegazioni,
    nun putimmo capì.

    Chello ca sapìmme
    È ca llà addò staje mò
    sarraje forse cchiù cuntento.

    ----------------------------------------------------------------

    Traduzione

    Tu che avevi la vita tra le mani
    l'hai fatta fuggir via come acqua corrente;
    ora non puoi più vedere il domani
    di questo mondo cattivo.

    Sei volato senz'ali,
    d'improvviso,
    una notte di primavera

    per un capriccio di una ragazza;
    per il senso d'inadeguatezza;
    per un momento di sbandamento;
    perchè vivere era diventato un tormento?

    Di te conoscevo la testa dura;
    non sapevo del coraggi che avevi,
    che è servito per lanciarsi verso il buio

    Non c'è motivo giusto
    per questo gesto
    e non ci sono spiegazioni;
    non possiamo capire

    Quello che sappiamo
    è che li dove sei adesso
    sarai forse più contento.

     
  • 10 ottobre 2007
    Ricomposizioni nonsense

    Il limite invalicabile del non saper vedere,
    nell'ombra di un non-sense inesplicabile,
    fonde la lama incandescente del saper vivere
    poggiando l'esistenza su una Storia assai esecrabile.

    L'ultimo soggetto di un dagherrotipo unico
    brucia nel fuoco di un camino magico,
    mentre sul tappeto tanto sesso tantrico
    riempie l'aria di piacere aulico.

    Libra su di noi Spirito Santo,
    e in caduta libera
    riempi corpi sfatti da un celeste orgasmo
    così che finalmente io possa calare l' àncora.

    Fermarmi in questo mare d'inquietudini
    che s'alimenta di vagheggi statici
    cercando di non essere tra gli ultimi
    che vivono tra accadimenti tragici

    Manca la voglia,
    si cerca il coraggio,
    si passa la soglia
    verso un nuovo viaggio.

     
  • 10 ottobre 2007
    Il mio tumore

    Arruffato in un angolo di vita
    In un tempo di pioggia fitta
    Tendo la mano verso l’oblio
    Di un malessere incombente

    Una parte di me che lentamente
    Si sposta alla ricerca di una via di fuga
    E allo stesso tempo riempie
    Di cellule malvagie l’ organismo

    Inebria la mente di dolore,
    il corpo di rassegnazione
    e l’anima di voglia di vivere
    E’ inestirpabile.

    Il mio tumore.

     
  • 12 giugno 2007
    Finzioni

    Essere sinceri con se stessi,
    quante difficoltà
    da affrontare.

    E non scappare
    da falsi clichè
    e nudi perchè.

    Fingere
    per assicurarsi futuri patimenti;
    o facce toste da dover ostentare
    per non morire.

    Ricordi salati,
    nuvole dense da tagliare
    con coltelli affilati
    o a mani nude.

    Facendosi strada
    tra bei visi di plastica
    e corpi scolpiti;
    tra sogni fasulli
    e risatine isteriche.

    Sentirsi bene con gli altri
    o amare se stessi.
    Bivio detestabile.
    Possibilità di incrocio,
    vane.

     
  • 29 maggio 2007
    'O cecato

    Addo’ stive??
    Te steve aspettanne…

    E’ nu sacco ‘e tiempo  ca te penso
    Sento l’addore tuoio.
    Dint’e suonne t’aggiu visto

    E m’addumannavo: Ma Quanne??

    E mò staje ccà.

    Nun c’è vuluto niente,

    T’aggio riconosciuta d’int ‘a nu mumento.
    E’ bastata ‘na parola

    E finalmente, sò fernute ‘e turmiente.

    Mò sì, ca me sento comme a ‘llate
    Nun tengo cchiù bisogno ‘e niente,

    Mò c’Ammore pure pe mè è arrivato
    Sò cuntento, e

    Veche cu ll’uocchie tuoje 
    Tutto chello ca me sta attuorno

    ’A vita nunn’è cchiù nera,

    Pecchè nun me sento cchiù cecato.

     
  • 29 maggio 2007
    'O primmo Ammore

    Steve llà,
    appuggiato a chella machina,
    e parlavo cu 'e cumpagne 'e scola.

    Cammenanno me guardaste,
    te fermaste
    e me veniste a salutà.

    Ddoie resate d'int 'a classe
    'na partita 'e bowling e 'na pizza,
    era marzo e ce fuje 'o primme vaso.

    'A lotta cu 'e famiglie
    fujette d'a casa pe' venì addu te
    e sta 'na semmana assieme.

    Eppure 'a primma vota
    ca addiventajeme 'na cosa sola
    forse ancora t'a puorte d'int 'o core.

    Te sì pigliata quacche mese d'a vita mia;
    m'haje fatte pruvà p'a primma vota ammore
    ma pure 'o primme dulore.

    Quando 'o core se spacca a metà
    e nun saje comme se fa a continuà.
    T'aspettaje n'estate sana sana

    ma tu nun sì turnata,
    e aggio abbandunato 'o pensiere tuoje.
    Tuccato 'o funno poi, me sò aizato

    Quando accumminciaste a me gira attuorno n'ata vota
    ormai t'avevo capito
    e me levaie ddoie pretelle a d'int e scarpe

    Nun facive pè me.
    E' stato bello, ma non puteva jì annanze
    E mò sò cuntento accussì

     
elementi per pagina
  • 11 ottobre 2007
    Imparai l'amore...

    Come comincia: Imparai l’amore in un fienile della campagna pugliese.
    Io, quindici anni e la voglia di scoprire il mondo che faceva a cazzotti con una timidezza grande quanto il mondo stesso; lei, Irene, diciott’anni e una vita totalmente diversa dalla mia.
    Irene aveva visitato già Londra e Parigi; per me era la prima volta fuori da Napoli, e da solo.
     
    La conobbi durante una giornata di corse tra i campi di grano, e divenne subito un dolce incubo; coi suoi grandi occhi verdi; quel sorriso stampato in volto e quell’accento milanese che mi affascinava.
    In quell’estate 1995 ero in vacanza da un amico, Irene invece da sempre trascorreva in quel paesino del salento quindici giorni lontano dallo stress della metropoli lombarda; i suoi erano originari del posto ed amavano tornare nella loro terra.
    Parlavamo molto, Irene ed io; forse fu la mia prima vera amica, di un’amicizia intensa e vera, nonostante non avesse modo di durare. Andavamo in giro col suo motorino, un “Sì” della Piaggio che divenne compagno di avventure vissute tra il sole ed il mare.
    Irene mi educò a vivere senza troppi pensieri; a guidare un mezzo a due ruote; a sognare ad occhi aperti; ad ascoltare il rumore del vento.
    Io le offrii la mia spontaneità; la mia tenerezza e, nonostante l’età, un gran senso di sicurezza.
    Ci bastavamo, non avevamo bisogno di molto altro oltre noi stessi; stavamo bene così.
    Irene mi guidò con dolcezza ed amore nella scoperta del corpo di una donna.
    Fu Dea, madre, amante, maestra.
    Assaggiai le curve del suo seno; Scoprii il piacere di stare tra le sue gambe; Denudai la mia anima e la diedi in dono a Lei, che mi insegnò la bellezza dello stare abbracciati in silenzio.
    Imparai l’amore in un fienile, quell’estate.
    E, quell’amore, non lo dimenticherò mai.

     
  • Come comincia: Ero seduto nel pullman col libro di Teorie e Tecniche della Comunicazione di Massa  aperto dinanzi a me quando t'ho vista a quella fermata.
    Nella tua ostentata giovinezza affrettavi il passo per non perdere il mezzo che poteva riportarti a casa;  coi tuoi capelli neri e vestita con un semplice jeans ed una magliettina, sei salita sul bus facendo una linguaccia ad una amica a piedi.
    Ti osservavo, nella spensieratezza dei tuoi diciott'anni, nella leggiadria con cui ti toglievi lo zaino di scuola e ti sistemavi i capelli; ero contento.
    Il pullman gremito intanto continuava la sua corsa ed io ero lì ad osservarti, distogliendo lo sguardo ogni qualvolta ti giravi verso di me: maledetta timidezza.
    Neppure un metro ci divideva eppure sembrava uno spazio infinito.
    E poi,  l'apice dell'emozione: un misto di gioia e sorpresa; felicità e paura, quando il nostro sguardo s'è incrociato ed un tuo dolce sorriso di approvazione ha sottolineato il mio gesto di rispetto verso un anziano signore che ho fatto sedere al mio posto.
    Mi sono alzato, riponendo il libro in borsa, ed ho continuato nella mia opera di contemplazione mentre intorno i suoni di un pullman nell'ora di punta continuavano sbiaditi il loro percorso.
    Poco dopo però è svanito tutto. E' arrivato il momento per te di rompere questo mio idillio: era la tua fermata, le porte si sono aperte, ti sei girata verso di me, mi hai sorriso per la seconda volta, poi sei corsa giù per gli scalini lungo la strada che ti porterà a vivere la tua vita.
    Ed io? Un attimo di smarrimento, nelle cuffie del mio lettore mp3 "Leave right now" di Will Young a fare da sottofondo alla tristezza che si era fatta breccia nel mio cuore.
    Ti ho trovata...
    Ti ho subito persa...
    Ma è stato bellissimo.