username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Raffaele Catello

in archivio dal 29 mag 2007

21 agosto 1980, Napoli

segni particolari:
Ho una cicatrice in viso in ricordo di un adenoma pleomorfo che mi è stato asportato qualche mese fa.

mi descrivo così:
Sognatore. Sono un poeta, scrittore, attore. Ho pubblicato la mia prima opera per la casa editrice "Il Filo". Il titolo è Nunn'è poesia - Guerrammòre

10 ottobre 2007

A Fabio Zingone

Tu ca tenive ‘a vita dint’e mmane
L’haje fatta fujì comme acqua currente;
mò nun può cchiù vedè ‘o dimane
‘e chistu munno malamente.

Sì vulato senz’ali,
all’intrasàtto ,
‘na notte ‘e primmavera

Pe’ ‘na ‘nziria ‘e ‘na guagliona;
pe ‘o senso d’inadeguatezza;
pe’ ‘nu mumento ‘e sbandamento;
pecchè campà era addiventato nu turmiento?

‘E te cunuscevo ‘a capa tosta;
nun sapevo d’o curaggio ca tenìve,
ca è servùto pe’ te vuttà verso ‘o scuro.

Nun ‘nce stà mutivo justo
pe’ stù gesto
e nun ‘nce stanne spiegazioni,
nun putimmo capì.

Chello ca sapìmme
È ca llà addò staje mò
sarraje forse cchiù cuntento.

----------------------------------------------------------------

Traduzione

Tu che avevi la vita tra le mani
l'hai fatta fuggir via come acqua corrente;
ora non puoi più vedere il domani
di questo mondo cattivo.

Sei volato senz'ali,
d'improvviso,
una notte di primavera

per un capriccio di una ragazza;
per il senso d'inadeguatezza;
per un momento di sbandamento;
perchè vivere era diventato un tormento?

Di te conoscevo la testa dura;
non sapevo del coraggi che avevi,
che è servito per lanciarsi verso il buio

Non c'è motivo giusto
per questo gesto
e non ci sono spiegazioni;
non possiamo capire

Quello che sappiamo
è che li dove sei adesso
sarai forse più contento.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento