username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Raffaele di Ianni

in archivio dal 03 mag 2011

02 maggio 1983, Gaeta (LT)

mi descrivo così:
...o poesia o la corda di violino appena sfiorata dall'animo che fugge...

16 gennaio 2013 alle ore 18:18

La stanza dei quadri

Scende l’alito fatato delle nuvole di ieri,
oramai inutile alla mia curiosità
sepolta di ardite certezze
e scoperte insaporite di bellezza,
che tenta l’assalto ultimo alle trincee
maturate su questa pelle novella.

Ed i suoni della meravigliosa luna
claudicante, affannata e dispersa
soffici si smarriscono negli echi
distanti la lunghezza dei nostri sguardi
dove evanescenti le nostre frasi
non più donate all’intento
ma semplici restano incorniciate
nella stanza dei quadri remoti
dove deporre le armi d’orgoglio
e lasciar crescere una magnolia stellata.

Raffaele di Ianni

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento