username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Riccardo Piroddi

in archivio dal 06 feb 2008

11 agosto 1977, Massa Lubrense (na)

segni particolari:
Battuto e Beato

15 giugno 2010

Victoria Embankment

Tra quelle panchine di ferro scuro,
i lampioni dorati,
i leoni di bronzo accucciati sugl’argini
e i palazzi maestosi di marmo bianco,
lo sfavillio di riverberi biondi, ad Aprile,
sulla superficie verdastra dell’acqua,
abbaglia, lungo Victoria Embankment.


Londra, la mia città,
prima rosa d’amore
e tempio d’amor sventurato,
talamo violato da un destino beffardo
che né io, né tu, abbiamo voluto cambiare,
forse già scritto,
tra le pieghe di una tunica scura
indossata per forza,
e i vicoli stretti
che portano a Bartholomew Close.


A Victoria Embankment è buio,
la città ha spento le luci.
Non s’ode un rumore,
se non un sospiro affannato.
Il Tamigi accompagna
il mio cammino notturno
per l’ultimo requiem di un sogno,
trasportando il mio pianto
e i pappi degli alberi in fiore.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento