username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Rita Stanzione

in archivio dal 08 gen 2010

02 febbraio 1962, Pagani (SA)

27 gennaio 2010

Viaggio

Cavalco la sera
verso il richiamo
di parole già scritte
e di melodie
che s’alzeranno per me.


L'aria m’assorbe
ed io l’assaporo...
brezza in un giorno stagnante
la carezza sul collo.


Rincorro un arcobaleno notturno
d'indaco 
abbaglia i miei occhi:
mi lascio rapire.


Sorvolo le acque che pulsano
onde e correnti
mi spingono i sogni
oltre i respiri.
E’ un’isola solitaria
che ora calpesto.
Dalla sabbia
raccolgo conchiglie
con l'eco di suoni
incantatori di sensi.
Le mani creano velluti
dove riporre emozioni.
Si librano tra le mie fantasie 
e una poesia
nasce e vive.


Nei versi mi perdo…
Mi ritrovo
oltre ogni stagione
ogni giorno qualunque
sulle orme leggere
lasciate dalla libera fiera
ch’è in me.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento