username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Roberto Bani

in archivio dal 28 dic 2005

08 giugno 1960, Torino

segni particolari:
N.N.

mi descrivo così:
Potrei dire solo cose belle di me e alla fine scriverei che sono modesto!

03 gennaio 2006

Rinasco da Te

Intro: L'amore, nella sua accezione più sublime, assoluta, quando un addio è così doloroso da scavare un abisso nell'anima.

Il racconto

Sei qui, e mi racconti la morte. Amavi quella donna e sapeva amarti, riconoscerti senza un richiamo. E la luce nei tuoi occhi brilla di più, fino a congiungersi in una lacrima di pianto. La tua voce è sempre ferma, e continua a raccontare di lei. La lacrima si riempie di ricordi, la palpebra batte un colpo e lei, con repentina scelta, ti solca il viso, come una carezza, sulle guance, sulle labbra, dove accenni ad un sorriso, per mascherare il disagio. Timida, tra le umide parentesi di carne, fà capolino la tua lingua a raccogliere il succo salato dei tuoi occhi che rientra in te, nuova linfa, nuova passione.
Se io fossi quella piccola stilla di pena, se io nascessi in te, accarezzando il tuo viso in quegli istanti, per tornare sulle tue labbra a spegnermi, aspettando un altro dolore per rinascere ancora, ecco che io potrei gioire mille e mille volte ancora, perchè la mia vita sarebbe il tuo patire.
Ti guardo ancora, sei di una bellezza che splende; mi consumerei in te, accontentandomi di morire ogni volta.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento